Archivio della categoria ‘Senza categoria’

avviso a: AMICHE ed AMICI

Giovedì, 23 Gennaio 2014

Ognuno di Voi può essere attivo in seno all’I.R.I.S., contribuendo, se lo desidera, alla redazione del blog.

Se avete delle idee, delle esperienze che Vi hanno particolarmente colpito, o argomenti riguardanti il Misticismo, l’Esoterismo, il Reiki , la Cristallo terapia, la cromoterapia, tarocchi, Angeli ecc. e che pensate possano essere utili anche agli altri, scriveteli in modo chiaro oppure potete inviare un allegato via mail, consegnateli in segreteria o inviateli a info@istitutoiris.it .

Essi verranno pubblicati sotto la rubrica : “CONSIDERAZIONI DI “

 

amare gli animali, Pier

Giovedì, 31 Gennaio 2013

Impariamo ad

Amare un cane, un gatto, una persona… è amare anche se stessi e ricostruirsi la fiducia in noi stessi

Leggere ciò che i loro occhi dicono, chiarisce anche le tue incomprensioni

 

Sei sempre alla ricerca di qualcuno che ti capisca senza mai metterti in difficoltà?

Ti scocci e ti rifiuti quando, guardandoti allo specchio, lo specchio la tua vita, non ti vedi riflesso per niente in quello che vorresti essere, ma chi ti sta intorno riflette solo quello che tu realmente sei.

Prova a parlare di più con te stesso. Concediti un attimo di tregua per riflettere.

Riapri i cassettini della tua memoria. Vi troverai tante cose sapute e rifatte allo stesso modo magari sbagliando, ed altre che invece ti hanno soddisfatto, ma, ricordandole, ti si ripresenteranno più imponenti.: incoraggianti se hai dato buon seguito, preoccupanti se le hai solo riposte nel cassetto e senza darne risposta.

 

Hai sempre un amico con te. Sei tu stesso. Ascoltati e segui ciò che il cuore ti dice.

Hai bisogno di forze o idee nuove? Beh, prova a guardarti intorno, ma con semplicità, e ne trovi a iosa.

 

Hai mai provato a guardare un cane, un gatto, una persona o semplicemente un fiore con gli occhi del cuore? Se e quando ci riesci, troverai un altro amico.

Il tuo amico ti capisce, intuisce e ti lascia riflettere. Ha pazienza e comprensione. Se sbagli te lo fa capire a modo suo. Ti fa riflettere, ma lo devi saper intendere. L’esser semplice e disponibile ti aiuta.

Lui capisce ma non parla. Ti osserva con l’aspetto più espressivo che ha e che ti chiede: “Sii te stesso”, “Hai bisogno?”. Alle volte ti implorano chiedendoti una mano: qualunque essa sia, l’accettano.

Sa assaporare le cose belle tue, il tuo sguardo, l’attenzione che gli dai e ogni cosa nuova che a te piace.

E’ il primo che ne gioisce perché gioca con te e si diverte, fiorisce anche con te. Hai mai notato quando ti guarda e ti chiede cos’è? Se vede in te coraggio, lui l’affronta e vuol stare avanti a te per difenderti e per giocare e per rifiorire.

Vive per te e vorrebbe tu vivessi per lui.. Ma non osa né sa come chiedertelo.

E’ felice se tu lo sei. Sfida i consimili, se tu lo vuoi.

Sta sempre all’erta perché vive per te e con te.

Usa gli occhi del cuore.

 

 

Addio mio piccola amica e sorella

Martedì, 11 Dicembre 2012

Ciao Giuliana non avevo messo in conto che avrei dovuto scriverti questa lettera, così all’improvviso, dicevo sempre che me l’avresti dovuta scrivere tu, ti dicevo che eri il futuro dell’IRIS, che hai amato tanto, di continuare la mia storia di continuare con lo stesso impegno entusiasmo e amore che ci metto io , ma non è una lettera d’addio,ti ho già salutata ieri, inchinandomi al tuo destino e lasciandoti andare con amore.
Non abbiamo lasciato nulla in sospeso, abbiamo parlato di tutto, della vita dell’amore, della realtà, della spiritualità, dell’anima, della religione, emozioni ecc. e noi ci comprendevamo al volo perché avevamo un grande obiettivo insieme diventare guaritori dell’anima delle persone, un grande obiettivo, da pazzi potrei dire, ma come diciamo in Alchimia Mentale, il mondo è dei pazzi. Inoltre mi piaceva ascoltare le gioie e dolori della tua vita, ridere e scherzare, chiacchierare fare compere insieme, ti ricordi questa estate? Sapendoti a casa da sola ti abbiamo invitata a farle con me e Filippo da mia sorella? Il 15 di agosto siamo andati tutti noi a trovare la mia Madonnina, la Madonna di Loreto, abbiamo scritto bigliettini di protezione per tutti, ma ti ho rimproverata perché avevi scritto che volevi raggiungere l’illuminazione, ti ho detto: togli quel biglietto perché quando ci si illumina vuol dire che siamo disincarnati, e tu obbediente hai scritto un altro biglietto per richiesta di cose più terrene raccontando questo episodio ho capito il sogno che ho fatto domenica mattina, ho sognato una signora di colore che mi prediceva il futuro. Ora so che quella signora è la Madonna nera di Loreto, la madonnina che ci guarda quando entri all’Iris che protegge tutte le persone che vi entrano, era Lei che mi stava avvisando di questo dolore, e sei andata via il giorno della consacrazione della Madonna di Loreto, forse la Madonna ti ha voluta con se, il mio dolore è lo sento forte perché avrei voluto esserti sempre accanto per condividere la gioia e i dolori, condividere le emozioni, crescere e migliorare con te. Ho visto quante persone ti amavano e ti amano, che grazie a questo amore, il tuo compito lo hai assolto, me lo hai detto domenica notte mentre ti facevo trattamenti spirituali d’aiuto per il tuo risveglio, e ti sgridavo dicendoti che non dovevi farmi questo brutto scherzo ma che desideravo continuare con te e le altre, vivere questa bellissima vita di crescita. Ci hai dato tanto, ci hai fatto sentire speciale con i tuoi modi e la tua dolcezza, sei entrata nel nostro cuore senza neanche ce ne accorgessimo. Grazie per essermi stata vicina nei momenti in cui ne avevo più bisogno e con le tue parole e il tuo affetto mi hai aiutata …eri speciale nel capirmi. Insieme alle altre mi hai fatto trovare il valore nelle cose vere della vita, mi avete donato il sorriso nelle giornate più tristi. siete sempre li a sorprendermi con le vostre parole e il vostro modo di pensare, facendomi crescere e riflettere..
Come posso festeggiare il Natale senza di te? Sento ancora la tua voce, mi hai risposto che quest’anno finalmente facevi il Natale con tutti i tuoi, ma alla meditazione della Grande Madre il 18 ci sarò, e so che ci sarai..
L’ ultima volta che abbiamo festeggiato insieme era il giorno del mio compleanno con la mia famiglia, come sempre ti ho guardata, ho visto che eri pensierosa ti ho chiesto cosa c’è. Mi hai risposto che sentivi l’amore, l’amore di e per mia figlia e per i miei, che avrebbe voluto farmi un regalo personale ma non poteva, ed io ho risposto dicendoti che mi avevate fatto il più bel regalo del mondo, un telefonino nuovo che poteva connettermi con tutti e sentirvi, sentirla e sentire tutte le altre, sempre più vicine. Domenica la mia ultima parola è stata; ti voglio bene e ricordati ti vogliamo sempre bene e ci saremo sempre per te, c’era anche la tua mamma, mi hai fatto un sorriso. Non hai risposto ma conosco la tua anima, un’anima d’amore sempre a dare senza chiedere mai niente in cambio vorrei riassumerti in poche parole, generosa, buona, leale, amica, figlia, sorella. Ti voglio bene Giuly ci mancherai, e ci mancherà il tuo unico modo di essere così speciale,sono stata molto fortunata ad averti incontrata e grazie per quello che mi hai dato a me basta, ne farò qualcosa di buono e vero. Continuerai a stare lontana, nel tuo mondo, dove io non ho un posto, continuerai ad essere felice come lo sei sempre stata anche senza di me e senza di noi. Ti voglio bene e continuerò a volertene per sempre perché il mio cuore batte più forte di ogni cosa. Addio amica mia. dai miei occhi continuano a scendere lacrime..sono lacrime di bene è così difficile dire addio ad una persona a cui si è voluto molto bene, tu sarai il mio angelo… ti porterò con me… non sarai mai da sola, non sarò mai da sola. Vai anima dolce, ti custodisco nel mio cuore fra i beni più preziosi e ti difenderò.
Queste sono le ultime righe che ti scrivo.. la tua amica Maria.
Grazie a tutti coloro che sono vicini alla famiglia di Giuliana e grazie a tutti coloro che mi hanno scritto il loro dolore, ma grazie soprattutto a coloro che mi hanno aiutata e accompagnata in questo giorno del dolore, il giorno della Beata vergine di Loreto 10 dicembre 2012.

Reiki Tibetano

Lunedì, 19 Settembre 2011

Tibetan Style
Aura
Attraverso una stimolazione ed un lavoro su AIN (terzo occhio), si può prevenire all’assunzione della qualità della vista interiore, ma anche della vista esteriore: ciò permette la percezione della Aure sottili (energetiche) dell’uomo.L’Aura del Corpo Fisico: è quella che noi normalmente vediamo, cioè la figura fisica nella sua corporeità.

L’Aura del Corpo Eterico: collegata all’anima energetica Nefesch, si presenta come una leggera luminescenza che circonda il corpo fisico seguendo le sue forme, lo spessore di questa luminescenza può variare dai due ai cinque centimetri, secondo il quantitativo di energia pranica presente.il colore è di un bianco molto diafano leggermente tendente al grigio azzurrino.

L’Aura del Corpo Astrale: è espressa dall’anima emozionale o RU’AH. E’ abbastanza luminosa, formata da correnti in movimento e circonda il corpo fisico a guisa di uovo, per ampiezza che può variare da dieci a trenta centimetri. Le correnti che si notano procedono da una specie di fontana (centro coronale) che parte dalla sommità della testa (centro coronale) che parte dalla sommità della testa e ridiscende per tutta l’altezza fino alla base dei piedi; la risalita di queste correnti è più interna, a volte si può percepire a volte no. Il colore varia moltissimo essendo connesso all’ambito emozionale ed assume diverse colorazioni a seconda dei Chakra più o meno interessati.

ROSSO: forti pulsioni di aggressività, se il rosso è chiaro e pulito, può corrispondere ad una pulsione amorosa verso una persona o verso un’attività, se il rosso è cupo e denso, denota pulsione distruttiva ed egoismo.

ARANCIONE: è collegato alla mente ed al pensiero. Se chiaro e luminoso, elevazione mentale e lucidità; se scuro ed opaco, intellettualismi inutili e gratuiti. Un arancione fresco tendente al rosa, rappresenta l’attenzione spirituale della mente.

GIALLO: se questo colore si presenta con tendenza all’oro, significa grande consapevolezza, “agapè”, desiderio profondo verso una propria ed altrui evoluzione spirituale. Un bel giallo chiaro denota equilibrio, altruismo ed espressività. Un giallo scuro, sporco o tendente al marrone, grettezza ed opportunismo.

VERDE: un verde prato, brillante, significa desiderio, curiosità conoscitive, artisticità, innocenza. Un verde smeraldo, molto luminoso indica grandi capacità intuitive ed a volte creatività sfrenata. Un verde scuro, terroso, può rappresentare frustrazione nell’ambito realizzativo ed affettivo o incapacità di estroflessione verso l’esterno.

AZZURRO: se chiaro e luminoso, persona dotata di grande spirito umanitario ed altruistico; se intenso e brillante, indica capacità realizzative fuori dal comune che si manifestano anche come servizio verso gli altri. Un azzurro sporco e scuro denota introversione, paura, masochismo, scarso amore verso la vita. Se l’azzurro è macchiato di rosso scuro è pesate tirannia, deisderio di dominio.

 

BLU: intenso e luminoso è un colore di approfondimento personale, di colui che cerca in sé le risposte in modo preciso e non accondiscente, è il colore che si ritrova spesso negli scienziati ed in tutti coloro che tentano di svelare i misteri nascosti. Un blu picchiettato d’oro è strettamente spirituale, un blu con striature nere è il colore di quelli che fanno di queste ricerche uno strumento di potere egoico.

VIOLETTO: chiaro e delicato, determina animo gentile, poetico,in buona armonia con la natura; intenso e luminoso, grande ispirazione, devozionalità, misticismo. Scruro, pulito e luminosissimo, indica il massimo grado di raggiungimento conoscitivo, l’illuminazione, il perseguimento di una via spirituale in modo profondo e duraturo.

MARRONE: colore sempre negativo, può denotare malattia o momenti di grossa nubilazione. Se è abbastanza frequente in una persona: grettezza, stupidità, ingordigia.

NERO: colore abbastanza raro, può esprimere le grandi paure, un periodo di pessimismo totalizzante, intrusioni psichiche esterne, debolezza mentale e materialismo ormai cristallizzato.

Altri colori più rari e meno permanenti:
ROSA: momento di grande pace interiore e felicità.
LILLA: stupore gioioso e conoscitivo.
ROSSO VIOLETTO: enfasi ed entusiasmo.
TURCHESE: equilibrio tra pulsioni spirituali e fisiche.
GRIGIO: momenti di instabilità ed indecisione.

L’Aura del Corpo Mentale è collegata all’anima mentale o Neshamah, è molto luminosa, ma questa luce varia molto di intensità da individuo ad individuo, a secondo del suo stato evolutivo. E’ ovoidale, la sua altezza può avanzare dai trenta ai cinquanta cm., nel caso degli illuminati anche fino a qualche chilometro. La circolazione energetica in questa aura è talmente sottile che si percepisce appena, il suo colore varia dal bianco al bianco grigiastro, al bianco dorato, al bianco azzurrino. Queste variazioni denotano la polarità più o meno spiritualizzata dalla persona stessa.

L’Aura del Corpo di Grazia è connessa al Khia’ o fiamma spirituale, è presente - latente in tutti noi, ma essendo un conseguimento è visibile solo in coloro che lo hanno raggiunto. Si manifesta come un globo luminosissimo che circonda la testa e, iconograficamente si può collegare alle aureole.

 

Messaggio del nostro Maestro di Luce giugno 2011

Lunedì, 13 Giugno 2011

Saluto la mia assemblea. Benedico voi, figli diletti, che qui siete giunti in nome della pace e dell’amore. Benedico ognuno di voi, benedico il vostro cuore, benedico il vostro corpo, portatore dell’essenza divina. Benedico le vostre mani, affinché esse siano strumenti di pace nel vostro mondo. Giungano in mezzo a voi gli Angeli Guardiani, a protezione dell’assemblea. Aprite il vostro cuore, aprite le vostre orecchie, giunga in mezzo a voi l’Angelo dell’Acqua, l’Angelo del Fuoco Purificatore, l’Angelo dell’Aria, l’Angelo della Luce, l’Angelo della Pace, l’Angelo del Perdono, l’Angelo dell’Armonia. Benedico le vostre acque, siano esse fonte di nuova vita e di guarigione per ognuno di voi, per i vostri malati, per tutti coloro che hanno fede. Benedico i vostri doni, benedico i vostri fiori. Ecco figlioli miei diletti, IO vi accolgo in questo abbraccio di amore e grato IO sono ad ognuno di voi, per aver risposto al messaggio di amore e di fratellanza universale, per aver ascoltato la voce di Colui che ha creato il mondo, ogni creatura. Grati siamo a questa assemblea, per aver accolto la promessa nella missione su tutta la Terra. Il cammino nella vita spirituale, è un cammino interiore, un cammino doloroso, che porta l’uomo a ricercare la sua vera essenza nel suo profondo. E’ bene per ognuno di voi, cercare affinità fra i suoi fratelli, per poter alimentare il Fuoco Sacro dell’Amore e della fratellanza Universale, ma è necessario, ora, riversare questo amore, anche verso coloro che hanno una vibrazione diversa dalla vostra. Questa è l’opera che vi viene chiesta, che vi è stata chiesta e qui avete dato la vostra promessa di realizzazione. I saggi sono sparsi nel mondo, in tutto il Creato, uomini saggi che detengono in sé, la capacità di comprendere l’anima umana. Essi aiutano, in questo percorso di vita, l’uomo, a realizzare se stesso, a portare il proprio fardello di sofferenza e di dolore, a dare insegnamenti ed istruzioni, per raggiungere la pace dell’anima. I saggi sono fra voi e vengono ricercati dall’uomo che in questo momento, ha in sé il grande tormento dell’anima, ha in sé, una grande confusione e profondo turbamento per gli avvenimenti che stanno ora nel mondo. Molti uomini, in questo momento, sono alla ricerca di guide spirituali e di saggi, che possano indirizzarli verso il cammino della luce. La loro domanda è vera, buono il loro intento, ma il male si nasconde anche fra coloro che detengono la conoscenza. Vi sono uomini, che hanno il loro titolo di saggi, che camuffano la loro onestà. Essi sono falsi, alimentano il loro egoismo, il loro desiderio di potere sopra l’uomo, desiderio di potere nella mente dell’uomo. Essi a volte, cercano gruppi di uomini che abbiano il grande desiderio della crescita e approfittano della loro debolezza. E’ importante in questo tempo, che voi sappiate indirizzare questi uomini, nella giusta scelta delle loro guide. La chiave per poter riconoscere un uomo saggio, è osservare il suo atteggiamento, le sue azioni. L’amore deve essere nelle sue azioni, nella sua parola, nella sua voce. Il saggio deve parlare di Amore Universale, amore che comprende le razze della Terra senza alcuna distinzione, di ceto senza alcuna distinzione, nello stato senza alcuna distinzione, nella materia. Vi sono molti uomini, in questo tempo di grande confusione e di tormento, che si lasciano sopraffare dalle molte voci, correnti di uomini che seguono falsi maestri. Attraverso i numerosi contatti, attraverso le numerose informazioni, si stanno scatenando, in questo tempo, idolatrie e venerazioni per oggetti. Ponete la vostra attenzione e aiutate coloro che sono nella confusione e nel tormento. Siete esseri immortali, siete qui, su questa Terra, per divenire uomini saggi e incarnare l’Essenza Divina, il regno di Dio. Esso si trova nel cuore dell’uomo. Cercate la vostra divinità all’interno del vostro cuore. Il saggio, la guida spirituale, è colui che può aiutarvi in questo percorso verso la luce, indicandovi la porta, la strada. Il passaggio verso questo cammino è individuale, ognuno di voi, dovrà percorrere quella strada, attraversare quella porta, scoprendo dentro di sé i suoi valori, la sua essenza divina. Tutto dipende dalla vostra ferma volontà e dalla vostra fede e questo è il tempo in cui voi dovete divenire consapevoli di questa verità. La capacità di cambiare la vostra vita, è data dalla vostra volontà, richiamare l’Energia Divina è buona cosa durante la vostra preghiera, durante la vostra meditazione. Questo è un buon passo per intraprendere il cammino verso la luce, ma è anche necessario per l’uomo di fede, avere il coraggio di guardare dentro se stesso e scoprire di possedere delle forze che devono essere trasformate. Guardare il lato oscuro, la vostra ira, la vostra rabbia, l’odio, la violenza. Per divenire saggi, dovete trasformare queste forze, vincere queste forze, coltivando le grandi virtù, il desiderio del cambiamento. E’ buona cosa per l’uomo di luce, desiderare di divenire strumenti della Volontà Divina, nella creazione di un regno fondato sull’Amore Universale. Il cambiamento deve avvenire all’interno del cuore dell’uomo. A voi è data la consapevolezza di questa verità, ora. Molti fra voi, hanno nel loro profondo, un desiderio nostalgico e malinconico, un desiderio di ritiro, perché essi hanno avuto nelle vite precedenti, esperienze profonde spirituali, ricerche interiori, che li hanno portati molto vicini alla luce. Ora, in questa vita, voi siete chiamati a portare questa luce, a vivere questa luce e questo amore con i vostri fratelli. Ciò che è stato delle vostre vite, nella solitudine e nella contemplazione del Divino, è un aiuto in questa vita. Il ricordo della luce, sia ora la forza per trasmettere questo amore ai vostri fratelli. Divenire saggi, possedere la saggezza nel vostro cuore, è un modo per trasmettere l’amore e sviluppare la capacità di amare gli altri. Attraverso la purificazione del vostro corpo, attraverso la preghiera, la meditazione, attraverso atti di amore, potrete acquistare buoni meriti. Tutto ciò che sarà fatto nel bene, sarà grande opera che porterete anche nell’altra dimensione, dopo il passaggio e le vostre mani saranno colme delle buone azioni e tutto servirà a colmare il vostro debito, di fronte al tribunale del karma. Quale merito dunque, potreste avere voi, se in questa vita vi preoccupate più del vostro benessere materiale, che del vostro benessere spirituale. Avete ascoltato l’irrequietezza che il vostro cuore, cercando tra le molte vie, la via della luce. Vi è chiesto di portare questa luce, anche ai vostri fratelli, attraverso una condivisione della vostra vita spirituale, della vostra conoscenza spirituale. Lasciate le opere di magia e divenite consapevoli della vostra capacità di cercare il Divino, creando il vostro corpo di luce.
Ora parlo a te. Parlo a te donna. Anche tu, come molti uomini, stai vivendo questo tempo di confusione e di lotta fra forze positive e forze negative, ma questo tempo, è un tempo benefico per colui che cerca la luce, perché è stimolato nella ricerca della divinità. Chiedi chiarezza al tuo Angelo che ti assiste costantemente e a un’entità, che ti fu parente e che ora segue il tuo passo. Chiedi di darti intuizione e chiarezza. Puoi iniziare poco a poco, passo dopo passo, guardando questa tua vita, con l’occhio di colui che ricerca nel passato la buona azione, la cattiva azione. Sii giudice di te stessa e attraverso un’analisi, porta il tuo stato a guardare dall’alto la tua vita, a domandarti cosa è bene al tuo cuore, cosa fa gioire il tuo cuore e inizia nelle piccole azioni quotidiane, portando quella luce che tu ben tieni nel tuo cuore, raccoglile nelle tue mani e donale ogni volta che tu puoi. Attraverso semplici azioni, trasmetti la tua gioia e il tuo amore e a poco a poco, come dopo il temporale, si farà chiarezza nella tua mente. Benedico te e la tua famiglia.
Ora parlo a te donna. Comprendo il tuo tormento, comprendo la tua paura. L’uomo che vive sulla Terra, nutre costantemente paure, paure che derivano dalla sua insicurezza, dalla sua mancanza di fede, dalle forze che lo circondano e che si alimentano della sua stessa debolezza. Sei in un cammino di luce, coltiva dentro di te la fede e la speranza, annulla la paura del domani, la paura della sofferenza e del dolore fisico. Chiedi ciò che è bene per la tua anima in questo momento. Chiedi l’Angelo della guarigione, chiedi l’Angelo della Pace del tuo cuore. IO ti sarò vicino e benedico la tua testa. Raccogliti nella preghiera e chiedi purificazione della tua mente.
Ora parlo a te. E’ bene per te chiederti a che punto sei della tua vita spirituale. Questa è una buona domanda per te. Senti l’anelito del tuo cuore e il desiderio di migliorare. Molti sono i tuoi sforzi, vedo, in questa vita. Devi solo controllare la tua impazienza e la tua inquietudine. Coltivando la tolleranza e la pazienza, potrai guardare ai tuoi simili e trasmettere loro il tuo grande amore per la vita. Colei che ti è vicino, ha un talento, ha una capacità di entrare in comunicazione con le forze invisibili e attraverso un disegno, una scrittura, essa trasferisce le sue sensazioni e le sue emozioni, vivendo in un mondo, nel suo mondo. Ora è in questa vita. Tu hai la possibilità, attraverso il suo dialogare e la condivisione di queste esperienze, di trasmettere la conoscenza, data dalle intuizioni e da un antico sapere. Hai anche un talento nelle mani e ti esorto a trasferire questa energia guaritrice che ti porterà a migliorare il tuo stato fisico. Ti benedico.
Ora parlo a te. Benedico ciò che è della tua capacità di comprendere e di affrontare la vita di ogni giorno. Attraverso le molte difficoltà, per mantenere unita la tua famiglia, accogli ciò che ti viene dato, in questo tempo, come un dono, accogli la gioia che ti sarà data e infondi nuova speranza nel tuo pensiero, speranza di una serenità che tanto stai ricercando. Ciò che hai, ti basti per poter vivere in modo decoroso la tua vita. Nulla mancherà alla tua famiglia in questo tempo. Sono tempi di trasformazione, tempi di difficoltà. Ciò che ha tua figlia, non è cosa grave, tutto si risolverà. Coltiva la speranza in buone cose per te. Ti benedico.
Ora parlo a te. La gioia trabocca dai tuoi occhi, dal tuo cuore. Hai chiesto una benedizione per te e per il tuo compagno. IO congiungo le tue mani con le sue e pongo la benedizione. “Che sia la vostra un’unione felice, fondata sull’amore e il rispetto reciproco”. Porta nella tua famiglia nuova, la consapevolezza di un’unione, un’unione basata su valori, un amore profondo, che porterà a superare le vostre possibili difficoltà, mantieni sempre il rispetto per ciò che è il tuo compagno e la capacità di dialogare e di comunicare i tuoi pensieri, le manifestazioni d’amore, affinché essi siano fonte di gioia nella tua famiglia. Ti benedico, vai in pace.
Ora parlo a te donna, che stai dedicando la tua vita, come guida spirituale. E’ un compito di grande responsabilità. Quando molto differenti sono le anime che compongono il tuo gruppo, affidarti alla comprensione divina, è buona cosa. Trasmetti nel tuo gruppo, delle conoscenze che ti vengono dal passato. Vi sono anime in continuo fermento, per il desiderio di ricerca e per la lotta interna di forze. Questo non deve scoraggiare il tuo cuore, ma deve dare a te, la forza per continuare, perché hai scelto di essere guida e chiedi dunque allo Spirito Divino, la forza e l’intuizione per comprendere, educare e consigliare. Non è facile essere buoni consiglieri, soprattutto quando le anime che formano il tuo gruppo, sono anime antiche. Esse hanno combattuto grandi lotte, alcuni fra essi, hanno anche paura della luce, perché hanno abusato di antichi poteri. Non temere dunque, questo tuo cammino. Quando sarai nella tua comunità, invoca lo Spirito Infinito, invoca che ti sia dato un Angelo di protezione, l’Angelo che seguirà il tuo gruppo, come tu hai chiesto. Esso porterà armonia ed equilibrio, nelle energie e nelle vibrazioni. Questo ti verrà fatto come un dono. Esprimi dunque con fede, questo tuo desiderio, per il bene della tua comunità. Ti benedico.
Ora, a te donna. IO comprendo e vedo la tua sofferenza. Tu che sei collegata a questo gruppo e che hai chiesto aiuto. Dolore e sofferenza per questa tua malattia, comprendere la malattia, non è facile per l’uomo, spesso l’uomo accusa le forze esterne, accusa gli altri di ciò che capita nella sua vita, ma ciò che è della tua vita, è frutto di ciò che è la tua volontà, i tuoi pensieri, le tue esperienze, il tuo destino. E’ bene prendere consapevolezza di ciò che è il proprio stato, per alimentare la forza del cambiamento, per alimentare la trasformazione, il desiderio di trasformazione e ciò che ha causato la malattia. Vi sono situazioni passate, che hanno provocato in te dolore, che hanno cristallizzato pensieri negativi. Liberarsi di questi pensieri, dalle paure è buona cosa, perdonare, perdonare chi ha fatto del male al tuo cuore. Inizia questo processo di cambiamento, ed affida la tua preghiera a questo gruppo. Che sia ciò che è bene per la tua anima. Chiedilo all’Altissimo. Ti benedico.
Ora parlo a te. Ti accolgo in questo abbraccio di amore e ti esorto a non perdere la speranza e la forza. Ti verrà fatto un dono, un dono di forza, perché sei stata una buona moglie, sei tutt’ora una buona moglie. E’ bene per te, che tu acquisti di nuovo questa forza vitale. Sei stata sostegno nella sofferenza e in questo cammino hai dato molto amore. Prendi un piccolo tempo per il tuo riposo e alimenta la tua anima, alimenta il tuo spirito con la gioia. Tutto ciò che tu hai fatto, è fatto con amore. Le tue mani hanno acquistato grandi doni, e la tua anima, nulla viene perso di ciò che hai fatto con amore e con compassione. La compassione, ha portato nel tuo cuore, lo spirito, la vibrazione della Madre Divina. Questa è buona cosa per te, per arricchire il tuo animo, non lasciare che la stanchezza abbatta il tuo corpo, ma risollevati con tenacia, cercando negli occhi di colui che tanto ti ama e che tanto è grato alla tua cura. Ti benedico.
Ora parlo a te. Ciò che stai facendo è buona cosa. Continua a guardare la tua compagna, cercando di vincere il risentimento e l’ira. L’emissione di amore dai tuoi occhi, può trasformare una grave situazione, può calmare le turbolenze e portare pace, non perdere la speranza in questo. Richiama la luce intorno a te, ti è stato insegnato come purificare la tua casa, come purificare il corpo. Conosci le tecniche, le antiche tecniche, sii costante in questa purificazione e non perdere la speranza.
Ora dico a te. Posso dirti, che ciò che hai nella tua testa come progetto, è buona cosa. Devi attendere ancora un po’ di tempo, e poi potrai di nuovo realizzare questo tuo sogno. E’ cosa che tu già hai fatto, è un talento che possiedi, è venuto il tempo di applicarlo e di realizzarlo, devi solo sviluppare dentro di te, l’entusiasmo e neutralizzare la paura del fallimento. Potrai portare un servizio all’umanità, attraverso la stesura di questo tuo libro.
Ora, anche a te IO dico, guardo anche a te, alla tua famiglia, alla tua compagna e ciò che è stato in questi ultimi tempi di sofferenza. Deve prendere coscienza che ciò che è nella sua vita, non è punizione o castigo, ma ciò che serve alla sua anima, per poter, attraverso il dolore e il sacrificio, affinare le sue capacità di comprensione del Divino. E lei è stata un tempo, colei che deteneva la magia e un antico ricordo risuona ancora nelle sue capacità di oggi e nella sua testa risuonano rumori, intuizioni e pensieri di ciò che è stato nell’antico. Che sia la gioia e l’amore a portarla verso gli altri, ad amare gli altri e a trasformare quelle forze che ancora sono nel suo essere. Vi è un’entità, un piccolo bambino, che è a lei vicino, legato da affinità, che la segue costantemente e che l’aiuterà ad alimentare questa energia. Benedico sia te che tua moglie affinché vi sia pace e amore.
Figli della luce, figli miei diletti, vi esorto in questo tempo di grande vibrazione sulla Terra, dove ogni elemento, è in fermento, ove la luce, l’aria, l’acqua, il fuoco portano nuove vibrazioni sulla Terra. Ritornate alla vostra semplicità, in ogni cosa, ritornate ad essere dei veri uomini, ritornate ad essere come bambini, pieni di gioia per ciò che hanno in questo momento e per ciò che possono donare all’umanità. Vi è stata data una nuova consapevolezza e una nuova verità del vostro stato, della vostra missione sulla Terra. Andate e portate questo messaggio. Vi benedico.

Lo scambio energetico

Mercoledì, 8 Giugno 2011

Quando si parla o si sente parlare di Reiki, molto spesso le prime domande che sorgono non sono legate all’efficacia di tale metodo, ma all’aspetto economico: “perché bisogna pagare i trattamenti ed i seminari dal momento che l’Energia non ci appartiene ?” In molti paesi, tra i quali l’Italia, c’è sempre stato un gravoso equivoco sulla relazione tra soldi e spiritualità, fino ad arrivare a considerare “impuro” chi chiede un pagamento in questo settore.

Trattasi di un fenomeno prettamente occidentale, legato alla tradizione giudaico- cristiana che pervade la nostra tradizione-cultura. In altri Paesi il denaro è visto come “energia dinamica”.

La prima cosa che sembra evidente a questo proposito è che il concetto di “denaro sporco” è estremamente mentale e dualistico, in quanto divide la realtà in compartimenti stagni: le cose spirituali e quelle materiali, quelle sacre e quelle profane.

C’è una sola Energia che si manifesta in molti modi. Una di questi modi è il denaro. Anche il Potere è una manifestazione di questa stessa Energia. Persino l’Amore è una manifestazione simile. Le stesse leggi della natura si applicano a queste manifestazioni apparentemente molto diverse. Potete aprirvi al denaro, al potere e all’amore e dovete alimentare o abbandonare l’idea errata che queste cose non le meritate. Dovete eliminare l’idea errata che queste manifestazioni della stessa Energia differiscono di valore. Potreste essere convinti che l’amore è qualcosa di veramente bello ed edificante, mentre il denaro è qualcosa di meschino, l’immondizia della terra. Purtroppo avete bisogno di denaro, ma se dipendesse da voi, ne fareste a meno.

Se stentate ad abbandonare queste vecchie convinzioni potreste scoprire nel frattempo di accettare completamente e allo stesso modo tutte queste manifestazioni della stessa Energia. Quel che hanno in comune queste diverse manifestazioni è che possono funzionare soltanto finché scorrono. L’Elettricità funziona soltanto quando collegate la spina con la presa di corrente che consentirà all’energia di scorrere attraverso la macchina mettendola in moto. Allo stesso modo il denaro, il potere e l’amore possono funzionare solo quando gli viene permesso di scorrere. Se essi non si possono ricevere, possedere, né dare, allora non si possono ottenere.

Il Reiki, come tutti i grandi insegnamenti iniziatici e tradizionali, si basa invece sul fatto che la realtà è unitaria, e che se da un lato abbiamo bisogno di scomporla e analizzarla a livello mentale per interpretarla, non dobbiamo poi diventare schiavi delle nostre categorie mentali, che pure sono estremamente preziose in quanto si tratta di classificazioni estremamente utili, sulle quali si basa qualsiasi possibilità di costruire una civiltà, e corrispondono in gran parte all’attività dell’emisfero sinistro del nostro cervello, quello preposto al pensiero razionale.

Anche la divisione da sacro e profano, materiale e spirituale, rientra in questo discorso; pertanto nessuno mette in discussione il fatto che si debba pagare per andare a scuola, per acquistare un oggetto, un libro… o per ottenere un servizio, mentre il problema sorge quando si entra nel dominio delle cose spirituali. Eppure non si riesce a capire perché il tempo di un terapeuta o di un Maestro di Reiki o discipline spirituali, debba valere meno di quello di un artigiano o di un insegnante ecc.

Nel Reiki viene sempre messo in chiaro che non è l’Energia che si paga, la quale è gratuita ed illimitata, la guarigione o altro, ma solo unicamente il tempo o la professionalità di chi opera, esattamente come per l’Insegnante di filosofia, (non paghiamo il pensiero di Socrate o Platone) ma la disponibilità di chi ce la tramanda.

 

Trasmutare

Mercoledì, 25 Maggio 2011

Trasmutate tutto con l’amore, guarisce e trasforma tutto; è la Sorgente divina, un dono gratuito dello spirito che nutre la vita. Quando mangiate, mangiate l’amore - quando bevete, bevete l’amore - quando parlate, parlate l’amore - quando ascoltate, ascoltate l’amore.
I vostri sensi fisici devono diventare le porte dell’amore per sviluppare i sensi sottili che danno accesso alla Sorgente. Siete collegati direttamente con la Sorgente e se l’abbondanza non arriva a voi e perché sabotate voi stessi.Nessuno dall’esterno vi può colpire se voi non glielo permettete. Mantenete la coscienza vigile, non dubitate di voi stessi.
Con questa forza e convinzione saprete distinguere il vero dal falso, i veri profeti dai falsi profeti.

 

Reiki è una porta aperta sull’amore.

Mercoledì, 25 Maggio 2011

Non può entrare nella tua vita e non cambiarla. Tutto intorno a me è cambiato nel momento in cui ho fatto la prima attivazione a Reiki. Vorrei dire grandi cose, ma no, no. Sono le piccole cose, le sfumature, che però messe tutte insieme fanno la differenza. Imparare a fare un sorriso in più, ad aiutare chi ha bisogno.
Capire che facciamo parte di un immenso universo di amore. La consapevolezza di quello che mi circonda è profondamente cambiata.
Vivo nel mondo, ora, con tutto quello che mi sta intorno: esseri umani, animali, vento, luce…
Vivo “all’interno” di queste cose, con loro, sono parte di esse e di tutto ciò che vive e che non vive. Non c’è mai stata nella mia vita tanta pienezza, tanta gioia, tanto amore.
Certo ci sono sempre i momenti bui ma c’è qualcosa che fa la differenza, perché subito dopo arriva la luce. … e oltre questa porta c’è molto altro ancora, ne sono sicura, c’è tutto un mondo da esplorare!
Grazie e NamaskarOmbretta Corradi Ufficio Grafico Fiere di Parma S.p.A.

Considerazioni sul Reiki

Mercoledì, 25 Maggio 2011

Ho incontrato il Reiki nel 1991, subito ne sono stato affascinato e da quel momento tale pratica costituisce una parte importante della mia vita. La curiosità e la volontà di approfondire mi hanno ispirato a conseguire il Master nei seguenti stili o metodi: Reiki Usui (Takata), Karuna, Japanese Reiki Tecnique, Tibetan Styl, ART. Alcuni metodi li ho appresi o ripetuti presso l’ IRIS, altri stili gli ho ripetuti con vari insegnanti allo scopo di valutare e confrontare gli insegnamenti.
Nel corso degli anni ho letto numerosi libri sul Reiki, tutti più o meno uguali, e ho sempre cercato di rimanere aggiornato.
Ora mi permetto di esprimere alcune considerazioni:

a)La signora Takata, alla quale va il solo riconoscimento di avere diffuso il metodo in occidente, a mio parere ha commesso, tra i tanti, un grave errore quando ha stabilito e fissato il costo per diventare Master. Ritengo che il primo requisito da considerare per diventare Master sia quello di essere una persona per bene ed equilibrata e non il potere disporre di una somma considerevole. Il secondo grave errore ritengo sia stato il non costituire un albo dei Master permettendo a molti di auto proclamarsi Tali.

b)Ho notato che sempre si è data eccessiva importanza alle origini del metodo Reiki ed alla storia di USUI. Dopo quella improponibile degli anni novanta, recentemente ne è stata diffusa un’altra ad opera di Arjava Petter; quest’ultima potrebbe contenere parti di verità, ma non quella assoluta. Quale sia il Reiki Giapponese originale ritengo che nessuno lo sappia e che sia impossibile saperlo.

c)Ora che importanza ha il sapere della vita di USUI, se era o no un monaco e se dottore di cosa di cosa lo era, quando tutti sappiamo che il metodo diffuso in occidente funziona e da tante soddisfazioni.

d)Spesso si dice che il Reiki sia una via spirituale adducendo presunte origini Buddiste; personalmente ritengo il Reiki un meraviglioso strumento di armonizzazione energetica.

e)Ho notato che solo poche persone comprendono l’essenza del Reiki, questa ritengo sia la causa del fatto che dopo avere appreso il metodo solo pochi continuano a praticare nel tempo.
Potrei continuare con altre considerazioni, mi riservo di farlo in modo più completo in un’altra occasione, ma mi preme principalmente affermare, dopo 18 anni di esperienza, che il Reiki è un metodo meraviglioso, completo, facile da apprendere e che si amplifica nel tempo.

Tutte le teorie contano poco quello che nel Reiki è vero è che:
1.Induce sensazioni soggettive di calore, formicolio, frescura; questo in funzione dello stato energetico di chi lo riceve.
2.Ha effetti soggettivi ed oggettivi di distensione, sensazioni di pace, benessere psicofisico, chiarezza mentale.
3.Talvolta, in casi di resistenza emotiva al cambiamento, si manifestano temporaneamente disagi, dolore fisico e tensioni. Questi disturbi spesso scompaiono in breve tempo lasciando la persona in stato di totale benessere.
4.Il Reiki è di aiuto in ogni situazione e momento della vita.
Concludo allegando le considerazioni sul Reiki che tre allievi mi hanno fatto pervenire e che considero interessanti.

Carissimo Luciano,

è un periodo in cui sto ricevendo tanti segnali dall’energia e questo mi rende più sicura e serena, ti racconto:mi giungono sovente dei pensieri, che in qualche modo si concretizzano. Al lavoro era tempo che c’era tensione con il capo, ho scritto un biglietto e gli ho fatto Reiki per un giorno e … la situazione è
migliorata. Mi viene in mente una persona e … ricevo una mail da questa persona che si offre per un trattamento a distanza.
Seduta sull’uscio di casa sentendomi un po’ sola … arriva un soffio di vento e nella mente affiora un pensiero di unità con gli altri che mi rasserena. Incontro un vecchio compagno di scuola che dopo tanti anni mi fa i complimenti per il modo di essere (che tra l’altro mi ha sempre un po’ distaccato dagli altri perché un po’lontano dal loro modo di essere) e mi dice che con gli anni ha capito che i miei principi erano speciali.
E tutto questo arriva nel momento in cui ne ho bisogno.
E’ semplice e fantastico, basta essere aperti ed attenti alle cose più semplici.
Il Reiki poi è un grande amico, sempre disponibile e sempre di grande aiuto! Dico sempre perché c’è … sia quando stai bene che quando stai male. Basta centrarsi ed ecco che tutto funziona in un modo diverso. Grazie, ho anche capito cosa significa: sii pieno di gratitudine. Tutto questo è fantastico ed è quella cosa che fa la differenza.
Un abbraccio Fiorenza

Carissimo Luciano,

Pensare a Reiki mi costringe a fare una pausa. Scoprire Reiki, sentire nelle mani il passaggio dell’energia è stato veramente sconvolgente. Constatare che non era un’ illusione ma un fatto vero è stato come se davanti a me si spalancasse un portone su un mondo(il termine non rende abbastanza…) nei confronti del quale, prima di esprimersi, ci vuole un po’ di tempo per “guardarsi intorno” e pensare. Forse perché sono un “tecnico” poco incline a ciò che è istintivo ma comunque con una certa sensibilità verso una dimensione soprannaturale dell’uomo, nata nella cultura cattolica, ho sempre diffidato di tutto ciò che è esoterico. A questo si aggiunge che l’approccio che si ha è spesso negativo, legato a profittatori che si arricchiscono alle spalle di persone deboli che esprimono semplicemente un bisogno, o una solitudine.
E’ difficile parlare di reiki a chi non lo ha sperimentato, si finisce per essere riduttivi:
- “Tecnica di armonizzazione dell’energia”
- “Tecnica di rilassamento energetico”
- “Antico metodo giapponese per riequilibrare le tensioni psicofisiche”
potrebbero essere alcune delle frasi ricorrenti che, comunque arricchite da spiegazioni varie sulla natura del’energia Reiki e sulla dimensione universale di Reiki, spesso lasciano l’interlocutore con un’espressione fra l’interrogativo e il disinteressato, quando non addirittura con una faccia della serie “Ma questo è fuori di testa!”
La mia modesta esperienza di trattamenti al di fuori della cerchia degli amici “Reikisti” si svolge in ambito famigliare. Un po’ per le ragioni già esposte che sono di ostacolo alla “distribuzione” di trattamenti a destra e a manca, un po’ perché quando si trova la persona disponibile bisogna comunque andarci con i piedi di piombo, per evitare di creare delle aspettative esagerate che non trovano poi un adeguato riscontro.
Credo che l’approccio giusto a Reiki sia fondamentale. Il mio è stato proprio “senza aspettative”, e ho sperimentato che i trattamenti migliori sono avvenuti quando non c’erano aspettative preventive, né da parte mia né da parte del mio interlocutore.
Io penso che chi riceve debba “semplicemente” aver voglia di sperimentare che esiste una dimensione energetica della persona, dimensione energetica che subisce degli squilibri che possono influire sullo stato fisico e psichico della persona stessa. Chi invece fa il trattamento dovrebbe fare il vuoto dentro di se e lasciare tutto lo spazio per l’azione dell’energia e per percepire le sensazioni che essa ci da. Tutto il resto, benessere, guarigione, vantaggi fisici o mentali, avviene da sé e non dipendono da noi ma dall’energia. L’importante è che comunque ci si renda conto che in noi esiste una dimensione di noi stessi (scusa il bisticcio di parole) che forse non sappiamo bene com’è ma che sicuramente esiste. Una dimensione molto importante.
Se l’approccio con Reiki è stato autentico, non si può rimanere come prima, qualcosa nella vita della persona deve cambiare!
Sarei felice di poter dare un raggio di luce a tutti coloro che ne hanno bisogno.
Un abbraccio. Giorgio

 

Reiki Coach Master in Bioreikiologia®

Mercoledì, 25 Maggio 2011

Nell’ambito dell’I.R.I.S. è stata fondata una scuola para universitaria, dove nasce la figura del Reiki Coach”Bioreikiologo®,professionista evolutivo. Si tratta di un “format” didattico atto a formare una figura del tutto inedita, quella del Bioreikiologo©, un operatore che, nell’arco di tre anni e 1400 ore di lavoro complessivo, grazie ad una particolare e innovativa formazione olistica: Una Scuola nuova ed unica nel suo genere è nata a Cusano Milanino, attiva dal 1982.
Un corso unico che insegna ad integrare tutte le tecniche Reiki in
un contesto olistico che ne esalta l’azione sinergica

“Reiki, una via consapevole volta alla ricerca integrale dell’armonia perduta

Questo corso permette di:
• imparare tecniche valutative e operative dolci e non invasive
• acquisire strumenti per comprendere le cause interne ed esterne di disarmonie e somatizzazioni
• riconoscere e riequilibrare gli squilibri energetici
• conoscere in profondità la costituzione energetica della persona
• mettere in relazione sinergica i sistemi più potenti
• crescere e maturare come individuo nel corso della formazione professionale
• trovare il coraggio di cambiare il corso della propria vita
• migliorare l’autostima ed acquisire sicurezza
• comunicare in modo efficace
• prendere coscienza, accettare e sviluppare i propri talenti;
• creare un proprio originale prodotto (un corso, una metodologia)
• mettere a disposizione di chi è alla ricerca di una migliore qualità di vita;
• creare in questo modo una nuova professione da diffondere in qualsiasi campo egli si trovi ad operare.
In tre anni sarai il migliore operatore di Reiki
Il nostro metodo, frutto di 30 anni di esperienza, mette a disposizione le più potenti e diffuse tecniche energetiche in rapporto al Reiki. Saprai identificare con facilità le cause delle alterazioni funzionali e gli scompensi energetici nell’organismo, e sarai in grado di arricchirlo con tutti i mezzi di sostegno, riequilibrio e di autoguarigione. Inoltre potrai insegnare o operare attraverso una preparazione completa.
Il Reiki Coach è un consulente qualificato, un trainer esistenziale che fornisce gli strumenti e il metodo più adeguato per realizzare progetti di sviluppo personale, stimolando le motivazioni per procedere, si affianca al cliente e allievo per trovare le soluzioni più idonee nei tempi più brevi.
Il Reiki Coach sa valutare i talenti e identificare i bisogni. Fornisce a chiunque sia in difficoltà o voglia sviluppare le proprie potenzialità, gli strumenti e il metodo per individuare e raggiungere i propri obiettivi, sia nella vita privata, professionale e autoguarigione.
Il Reiki Coach lavora con persone e gruppi sulle resistenze al cambiamento, sviluppa l’autostima, il potenziale e le competenze del saper fare e saper diventare per raggiungere gli obiettivi prefissati.
La nostra Scuola di Reiki Coach

La nostra Scuola ti propone un corso speciale, l’insegnamento che ti doniamo è unico e ti guida da una materia all’altra lungo un percorso logico che mette in relazione ciascuna tecnica con tutte le altre, elevandoti ad una visione olistica dell’essere. Questo fa sì che, crescendo con noi, potrai presto superare procedure, protocolli e prontuari legati alle singole materie, e saprai operare molto più profondamente sull’allievo e su te stesso, risolvendo efficacemente ed in breve tempo ogni problematica. Si studierà ogni materia in relazione a tutte le altre, sino a comprendere a fondo la continuità della visione olistica dell’essere. In questo modo penetrerai ogni segreto del Potenziale Energetico umano e ti aprirai ai mezzi attraverso i quali ogni organismo utilizza la propria Forza Energetica per auto guarirsi, e diventerai un Master insegnante veramente preparato.
Le linee direttrici della nostra Scuola
La nostra Scuola ti introdurrà a tre delle più grandi Tradizioni del Reiki, Usui Shiki Rioko, Tibetan Style, Japanese Reiki, un programma completo di sicura efficacia: Questo insegnamento te lo proponiamo arricchito con le tecniche più moderne, quali la PNL e la formazione dinamica e psicologica che sono tanto valutative che operative, fornendoti, seguendo le metodiche, una formazione completa. Inoltre, questo Corso Pluriennale completo va a completare la tua preparazione a Master, fornendoti una serie di tecniche accessorie e complementari, che ti qualificheranno ulteriormente nella tua professione. Questo abbinamento fornisce un monte ore molto elevato, in linea con le direttive di futuri riconoscimenti ufficiali. I nostri corsi si tengono anche in tutta Italia.
Struttura corsi:
I nostri Corsi sono modulati in tre annualità interrelate l’un l’altra.

Ogni annualità segue un percorso didattico completo, comprensivo di tecniche operative e integratori fitoterapici da consigliare, per cui, già alla fine della prima annualità è possibile iniziare a praticare a livello di Master insegnante.
Le lezioni sono costituite da 9 incontri + uno Stage di 4 gg. ( che si tiene tra giugno e luglio ) un Seminario di Master e di psicologia applicata. Le lezioni sono dedicate alla pratica e alla teoria.

nell’ambito del triennio:
• Nozioni di Anatomia e Fisiopatologia
• Deontologia e esercizio della professione: legislazione + norme associative, assicurative e di previdenza
durante ogni annualità:
• Seminario-Laboratorio di Praticantato • Tecniche Yoga -
per l’Operatore e allievo.

Nell’arco dell’anno viene fornito materiale didattico sotto forma di manuali, e altri supporti necessari al corso ed elenchi completi di testi consigliati.
Inizio annualità 18 settembre 2011