Archivio della categoria ‘Reiki’

I.R.I.S. - I AM - REIKiTALIA -

Venerdì, 22 Novembre 2013

Amici del Reiki

Queste regole rappresentano solo un impegno morale, che ogni Reiki master ha sottoscritto solo con se stesso.

·         ogni Master è libero di decidere 11 costo del Corso di 1°, 2°, 3° Livello, ma in nome proprio e non dell’Energia Vitale Universale, in cui tutti siamo e viviamo e che non può e non deve avere un prezzo.

·         Ogni “aspirante Reiki” deve scegliere con accuratezza il proprio Master, perché è molto probabile che avrà il Master che si merita. Nel bene e nel Male.

·         Ogni corso è “ripetibile’, presso ognuno dei Master autorizzati I.R.I.S. e I AM, con un piccolo contributo ad offerta libera, come riconoscimento del lavoro e dell’impegno del Master, che accoglierà tutti come “fratelli”.

·         Ogni Master dell’I.R.I.S. – I AM - REIKiTALIA è a disposizione di chiunque lo voglia contattare, purché durante l’orario usuale di lavoro.

·         I Master non esprimono pareri negativi su altri Master, siano pure “cattivi Master”.

·         L’Energia Vitale Universale é di tutti e contiene tutto; sia positivo che negativo.

·         Noi (Master e Reikisti) abbiamo scelto l’atteggiamento e il pensiero positivo. Per il bene del Reiki.

·         La nostra Reiki Master Maria Remigio.è nostra Master accreditata I.R.I.S. – I AM – REIKiTALIA -

a proposito di reiki

Giovedì, 21 Novembre 2013

I seminari di primo e secondo livello di REIKI, si svolgono principalmente in due giorni consecutivi, durante i quali gli allievi ricevono l’iniziazione ( suddivisa in quattro cerimonie rituali nel 1° livello, una cerimonia rituale nel 2° livello) che attiva in loro la capacità di canalizzare le energie universali, oltre ad una serie d’insegnamenti sulla storia del REIKI, sulle sue applicazioni sulle tecniche di guarigione, di autoguarigione e sul modo di trattare animali e piante, oltre alle situazioni della propria esistenza.

I livelli di Reiki sono adatti a chiunque senta l’esigenza di voler guarire la propria vita.

Durante il corso la Master insegna i trattamenti di base e le tecniche per poter applicare il REIKI,che gli studenti possono sperimentare con gli altri partecipanti al seminario.

Nel secondo livello si lavora sul piano mentale.

Nel terzo livello si fanno esperienze spirituali.

Seminario Reiki 1° livello

Il Seminario è costituito da un gruppo per un massimo di 12 partecipanti.

Si svolge in una giornata: dalle ore 10.00 alle 18.00 con pausa pranzo

Sono previste sessioni:

di Martedì dalle ore 20.00 alle 23.30 di Mercoledì dalle ore 21.00 alle 23.30

Presiede il Seminario un Maestro di Reiki coadiuvato da Istruttori e Assistenti

Alla fine del seminario viene consegnato:

Materiale Didattico

Diploma

Dopo il seminario ogni partecipante può accedere gratuitamente alla Consulenza Reiki e, previa presa visione del Regolamento “Servizio Reiki”.

Il Seminario si può ripetere sempre ed è completamente gratuito.

Costo del Seminario € 150.00 compreso I.V.A.

Cassette “Reiki Music” ad offerta libera

Consulenza e Terapia Reiki con il Master è di € 40.00 ( e consulenze di Reiki con la nostra Master sono a disposizione anche per le persone che non hanno frequentato il Seminario).

Seminario Reiki 2° livello

Il Seminario è costituito da un gruppo per un massimo di 10 partecipanti.

Si svolge in una giornata: dalle ore 10.00 alle 18.00 con pausa pranzo

Sono previste sessioni:

di Martedì dalle ore 20.00 alle 23.30 di Mercoledì dalle ore 21.00 alle 23.30

Presiede il Seminario un Maestro di Reiki coadiuvato da Istruttori e Assistenti

Alla fine del seminario viene consegnato:

Materiale Didattico

Diploma

Dopo il seminario ogni partecipante può accedere gratuitamente alla Consulenza Reiki a distanza e, previa presa visione del Regolamento “Servizio Reiki a distanza”.

Il Seminario si può ripetere sempre ed è completamente gratuito.

Costo del Seminario € 150.00 compreso I.V.A.

Cassette “Reiki Music” ad offerta libera

Consulenza e Terapia Reiki a distanza con il Master è di € 80.00 ( e consulenze di Reiki a distanza con la nostra Master sono a disposizione anche per le persone che non hanno frequentato il Seminario).

 

 

 

 

 

 

 

 

testimonianze - Marta

Mercoledì, 20 Febbraio 2013

Cara Maria, ti scrivo dopo alcune settimane per condividere i primi passi della mia nuova vita…sono giornate intense, ricche di un flusso emotivo in continua evoluzione , a volte in confusione perchè non riesco a stare al passo con l’imponente tumulto interiore che mi accompagna spesso mi devo fermare, fare ordine e capire quale sia la questione più urgente da affrontare per mettere un piede davanti all’altro senza deviare dalla strada maestra.Ci sono momenti, o intere giornate, in cui devo dedicare tutte le mie energie a mettere un freno a tutti i sabotatori interni che si affollano nella mia mente, è come se avessere acquistato un nuovo vigore e spesso la forza di cui si sono nutriti finora emerge con tutta la sua veemenza sono convinta che questo accada perchè alcune parti di me , che finora avevano caratterizzato pensieri, atteggiamenti, emozioni e convinzioni su me stessa, su quello che merito , su quello che posso ottenere, sanno che presto perderanno il loro posto d’onore proprio in uno di questi frangenti ho deciso di ricominciare da ciò che per primo nella mia vita mi ha spalancato le porte della spiritualità, il primo sorso d’ Amore che in un periodo di estrema sofferenza mi aveva dissetato colmandomi di gioia, di gratitudine , che mi ha fatto rinascere permettendomi di accedere alle più antiche e profonde radici della mia anima :

il Reiki quando mi sono avicinata alla meditazione prima e al Reiki poi, come spesso accade ero scettica riguardo a qualcosa che mettesse in gioco elementi trascendentali , io sono cresciuta in una famiglia atea e ho sempre abbracciato questa posizione che mi rendeva fiera di non omologarmi ad una serie di convenzioni, di atteggiamenti reverenziali di fronte ad un mondo, ad una gerarchia, quella cattolica, che sentivo non mi avrebbe mai potuto o saputo rappresentare, ma non avevo capito non avevo capito, nè mi ero fatte la domande giuste su questo, che la Spiritualità, entrare in contatto con il Divino per l’ uomo che sceglie di VIVERE e non soltanto di esistere è la Grazia più grande da cui si possa essere baciati e proprio il Reiki mi ha donato questa Grazia, per questo ho deciso di diventare una Master Reiki come primo ed essenziale passo verso la Meta che ho nel cuore.

Vorrei che fossi tu la Maestra che mi accompagnerà in questo percorso che voglio rendere il più vasto possibile e la sola idea del’immensità che si spalanca di fronte a me mi inonda di un ardore e una gioia che sicuramente tu comprendi nel profondo.
Avevo iniziato a scriverti questa mail per chiederti se pensi sia confermata la giornata di Costellazioni per il 10 marzo, per organizzarmi e prenotare i biglietti del treno…. poi mi sono un pò fatta prendere la mano; nei prossimi giorni proverò a chiamarti….

dimenticavo di dirti che oggi navigavo sul sito dell’iris e ho trovato la mial mail e quella di Paola sul Blog…. che meraviglia!!! Grazie, per me è stato un grande onore!
Ti abbraccio e ti ringrazio con tutto il cuore, a presto
Marta

 

 

Il Reiki nella vita di tutti i giorni!

Lunedì, 30 Gennaio 2012

 

 

Il Reiki nella vita di tutti i giorni!
Desidero parlare in questo intervento di come un corso Reiki può aiutarci nel
quotidiano.
Considero questa disciplina un validissimo metodo per conoscersi, per
scoprire le immense potenzialità che ogni essere umano ha e che tiene
seppellite dentro di sé senza averne consapevolezza.
Già con il corso primo livello si acquisisce una maggiore fiducia nelle proprie
capacità, si comprende l’importanza di “regalare” ogni giorno a noi stessi tutta
l’attenzione di cui abbiamo bisogno, le tecniche che verranno insegnate
favoriranno in breve tempo una disposizione all’ascolto di ciò che il nostro
corpo e la nostra mente desiderano realmente da noi.
La routine giornaliera ci proietta totalmente all’esterno dal nostro essere,
viviamo in modo conflittuale ed esasperato i problemi che ci riguardano e a
volte quando non ne abbiamo siamo portati a vivere quegli degli altri.
Con questo non voglio dire che non dobbiamo rivolgere le nostre attenzioni al
prossimo o che dobbiamo trascurare i nostri problemi come se non
esistessero, desidero solo sottolineare che l’approccio mentale con cui
affrontiamo queste due situazioni è molto importante e decide sia le modalità
di soluzione dei problemi che un sano rapporto di empatia con chi ci
circonda.
Praticare Reiki su se stessi aiuta ad acquisire quella lucidità mentale
necessaria per mettere tutto quello che ci accade nel giusto posto, ci insegna
a dare il giusto peso e valore anche alle piccole cose, che poi tanto piccole
non sono!
Giornalmente decidiamo cosa è meglio per noi, quale sono le soluzioni
corrette ai nostri problemi, quali sono le persone che meritano la nostra
attenzione…ma se tutto questo lo facciamo dalla periferia di noi stessi
credete veramente che potranno essere decisioni corrette?
Il Reiki è uno degli strumenti che potrà aiutare, chi lo desidera, a vivere in
modo più consapevole, come spesso sostengo “A vivere a colori e non in
bianco e nero” , ci aiuterà a rispettarci, ad amarci e comprenderci
maggiormente.
Questo nuovo atteggiamento si rifletterà immediatamente nella realtà, creerà
un cambio di scenario a noi favorevole, gli altri ci vedranno così come noi ci
sentiamo “A colori!”
Concludo questo mio intervento con una frase molto importante, almeno per
me, che forse potrà aiutarvi a capire molte cose se troverete il tempo di
rifletterci un po’ sopra e di recitarla con convinzione, dopo averne capito il
significato, mentalmente o ad alta voce spesso durante la giornata: : “IO
SONO l’Intelligenza e il Potere che armonizza i miei affari, e nessuna
altra attività esteriore può impedirmelo.”
Un abbraccio a tutti
Laura Annarella

Reiki 2° livello advanced

Lunedì, 19 Settembre 2011

Volete percorrere i vostri giorni vivendo a metà?
Da come abbiamo letto fino ad ora siamo venuti a conoscenza che usiamo solo metà del cervello, l’emisfero sinistro, con le sue funzioni logiche , analitiche e razionali.
Il seminario di 2° livello Reiki Avanced vi aiuterà a sviluppare i poteri del nostro cervello “primario”, il cervello delle “prime impressioni”, delle intuizioni e delle sensazioni. Veloce come il lampo, esso registra informazioni che sfuggono alla portata della normale percezione cosciente.
Anziché vivere per l’intera esistenza nell’incertezza, tirando ad indovinare, potete,attraverso questo seminario, sviluppare le vostre capacità intuitive e godervi la meravigliosa sensazione di conoscere la vera realtà che esiste dentro e fuori di voi.
Sviluppando i sensi interiori percorreremo una via completamente nuova di comunicazione con gli altri. “Vedrete” le persone in modo diverso, intuirete ciò che sentono dentro.
Comincerete ad avvertire le energie vitali dei pensieri e delle sensazioni che scorrono dentro e attorno alle persone, ma soprattutto voi sarete una persona migliore, più viva.
Questo seminario vi servirà per:
1. Sviluppare doti intuitive e sensoriali..
2. Aiutare gli altri.
3. Vedere cosa ha in serbo il futuro per voi e per gli altri.
4. Rendere più significativi e intimi i vostri rapporti umani.
5. Modificare il vostro stile di vita.
6. Dare più spazio a un’espressione positiva di tutte le vostre sensazioni.Lezione: Simboli psichici. Visualizzazione dei simboli di Reiki sui centri psichici dei Chakra. Quando la nostra coscienza è rilassata riesce a toccare i punti vitali dei Chakra. In questo momento della lezione inseriremo il simbolo appropriato di Reiki e la visione sboccerà nella nostra interiorità.
Il simbolo psichico per Muladhara è un triangolo rosso capovolto. Al centro del triangolo immaginiamo un simbolo Reiki appropriato.
Swadisthana, rappresenta l’inconscio. Concentratevi sul 2° Chakra e immaginatelo nella forma di onde su un vasto oceano di notte, fissiamo questa raffigurazione con il simbolo Reiki appropriato.
Un girasole giallo luminoso è il simbolo per, Manipura, il 3° Chakra, concentratevi su di esso e visualizzate il girasole con il simbolo Reiki corrispondente.
Nel quarto Chakra, Anahata, percepite l’interno di una grande sala; in un angolo di questa grande camera c’è una lampada ad olio che arde sviluppando una fiamma dorata; visualizzate sulla fiamma il simbolo corrispondente di Reiki per vivacizzarla.
Il quinto Chakra, Vishuddi, è rappresentato come gocce fredde di nettare, visualizzategli sopra il simbolo psichico di Reiki.
Ajna è la sede dell’intuizione, concentratevi sul 6° Chakra e raffigurate il simbolo Reiki corrispondente.
Rappresentatevi una luna crescente di notte, quello è il, Bindu, inviate alla Luna un simbolo Reiki.
Ed infine il settimo Chakra, Sahasrara, è come il braciere dove si svolgono i rituali, si danno iniziazioni e si prega … nel braciere si sviluppano grandi lingue di fuoco , qui inseriamo tutti i simboli Reiki che conosciamo.
Questo esercizio serve per ricaricarci e distruggere i pensieri e atteggiamenti negativi.
Programma:

• Tecniche di pulizia
• Tecniche di respirazione
• Yoga Mentale
• Riprogrammazione
• Esercizio di Guarigione (in gruppo)
• La formula completa di Coué
• La tecnica delle lavagne
• Direttive per il futuro sulla lavagna bianca
• La “tecnica dei 21 giorni”
• La “tecnica dei 3 mesi”
• La “tecnica della fonte dell’eterna giovinezza”
• Così mi libero da qualsiasi malattia
• Visualizzazione della natura
• Diventare un albero da frutta
• Programmare il futuro
• Esercizio 1 Respirare il colore
• Esercizio 2 Schermare l’aura
• Esercizio 3 Energia illimitata
• Esercizio 4 Nube d’energia
• Esercizio 5 Flessibilità psichica
• Esercizio 6 Autoguarigione
• Esercizio 1 Ricordare vite passate
• Processo Risanante Egizio

 

Lo scambio energetico

Mercoledì, 8 Giugno 2011

Quando si parla o si sente parlare di Reiki, molto spesso le prime domande che sorgono non sono legate all’efficacia di tale metodo, ma all’aspetto economico: “perché bisogna pagare i trattamenti ed i seminari dal momento che l’Energia non ci appartiene ?” In molti paesi, tra i quali l’Italia, c’è sempre stato un gravoso equivoco sulla relazione tra soldi e spiritualità, fino ad arrivare a considerare “impuro” chi chiede un pagamento in questo settore.

Trattasi di un fenomeno prettamente occidentale, legato alla tradizione giudaico- cristiana che pervade la nostra tradizione-cultura. In altri Paesi il denaro è visto come “energia dinamica”.

La prima cosa che sembra evidente a questo proposito è che il concetto di “denaro sporco” è estremamente mentale e dualistico, in quanto divide la realtà in compartimenti stagni: le cose spirituali e quelle materiali, quelle sacre e quelle profane.

C’è una sola Energia che si manifesta in molti modi. Una di questi modi è il denaro. Anche il Potere è una manifestazione di questa stessa Energia. Persino l’Amore è una manifestazione simile. Le stesse leggi della natura si applicano a queste manifestazioni apparentemente molto diverse. Potete aprirvi al denaro, al potere e all’amore e dovete alimentare o abbandonare l’idea errata che queste cose non le meritate. Dovete eliminare l’idea errata che queste manifestazioni della stessa Energia differiscono di valore. Potreste essere convinti che l’amore è qualcosa di veramente bello ed edificante, mentre il denaro è qualcosa di meschino, l’immondizia della terra. Purtroppo avete bisogno di denaro, ma se dipendesse da voi, ne fareste a meno.

Se stentate ad abbandonare queste vecchie convinzioni potreste scoprire nel frattempo di accettare completamente e allo stesso modo tutte queste manifestazioni della stessa Energia. Quel che hanno in comune queste diverse manifestazioni è che possono funzionare soltanto finché scorrono. L’Elettricità funziona soltanto quando collegate la spina con la presa di corrente che consentirà all’energia di scorrere attraverso la macchina mettendola in moto. Allo stesso modo il denaro, il potere e l’amore possono funzionare solo quando gli viene permesso di scorrere. Se essi non si possono ricevere, possedere, né dare, allora non si possono ottenere.

Il Reiki, come tutti i grandi insegnamenti iniziatici e tradizionali, si basa invece sul fatto che la realtà è unitaria, e che se da un lato abbiamo bisogno di scomporla e analizzarla a livello mentale per interpretarla, non dobbiamo poi diventare schiavi delle nostre categorie mentali, che pure sono estremamente preziose in quanto si tratta di classificazioni estremamente utili, sulle quali si basa qualsiasi possibilità di costruire una civiltà, e corrispondono in gran parte all’attività dell’emisfero sinistro del nostro cervello, quello preposto al pensiero razionale.

Anche la divisione da sacro e profano, materiale e spirituale, rientra in questo discorso; pertanto nessuno mette in discussione il fatto che si debba pagare per andare a scuola, per acquistare un oggetto, un libro… o per ottenere un servizio, mentre il problema sorge quando si entra nel dominio delle cose spirituali. Eppure non si riesce a capire perché il tempo di un terapeuta o di un Maestro di Reiki o discipline spirituali, debba valere meno di quello di un artigiano o di un insegnante ecc.

Nel Reiki viene sempre messo in chiaro che non è l’Energia che si paga, la quale è gratuita ed illimitata, la guarigione o altro, ma solo unicamente il tempo o la professionalità di chi opera, esattamente come per l’Insegnante di filosofia, (non paghiamo il pensiero di Socrate o Platone) ma la disponibilità di chi ce la tramanda.

 

Reiki è una porta aperta sull’amore.

Mercoledì, 25 Maggio 2011

Non può entrare nella tua vita e non cambiarla. Tutto intorno a me è cambiato nel momento in cui ho fatto la prima attivazione a Reiki. Vorrei dire grandi cose, ma no, no. Sono le piccole cose, le sfumature, che però messe tutte insieme fanno la differenza. Imparare a fare un sorriso in più, ad aiutare chi ha bisogno.
Capire che facciamo parte di un immenso universo di amore. La consapevolezza di quello che mi circonda è profondamente cambiata.
Vivo nel mondo, ora, con tutto quello che mi sta intorno: esseri umani, animali, vento, luce…
Vivo “all’interno” di queste cose, con loro, sono parte di esse e di tutto ciò che vive e che non vive. Non c’è mai stata nella mia vita tanta pienezza, tanta gioia, tanto amore.
Certo ci sono sempre i momenti bui ma c’è qualcosa che fa la differenza, perché subito dopo arriva la luce. … e oltre questa porta c’è molto altro ancora, ne sono sicura, c’è tutto un mondo da esplorare!
Grazie e NamaskarOmbretta Corradi Ufficio Grafico Fiere di Parma S.p.A.

Considerazioni sul Reiki

Mercoledì, 25 Maggio 2011

Ho incontrato il Reiki nel 1991, subito ne sono stato affascinato e da quel momento tale pratica costituisce una parte importante della mia vita. La curiosità e la volontà di approfondire mi hanno ispirato a conseguire il Master nei seguenti stili o metodi: Reiki Usui (Takata), Karuna, Japanese Reiki Tecnique, Tibetan Styl, ART. Alcuni metodi li ho appresi o ripetuti presso l’ IRIS, altri stili gli ho ripetuti con vari insegnanti allo scopo di valutare e confrontare gli insegnamenti.
Nel corso degli anni ho letto numerosi libri sul Reiki, tutti più o meno uguali, e ho sempre cercato di rimanere aggiornato.
Ora mi permetto di esprimere alcune considerazioni:

a)La signora Takata, alla quale va il solo riconoscimento di avere diffuso il metodo in occidente, a mio parere ha commesso, tra i tanti, un grave errore quando ha stabilito e fissato il costo per diventare Master. Ritengo che il primo requisito da considerare per diventare Master sia quello di essere una persona per bene ed equilibrata e non il potere disporre di una somma considerevole. Il secondo grave errore ritengo sia stato il non costituire un albo dei Master permettendo a molti di auto proclamarsi Tali.

b)Ho notato che sempre si è data eccessiva importanza alle origini del metodo Reiki ed alla storia di USUI. Dopo quella improponibile degli anni novanta, recentemente ne è stata diffusa un’altra ad opera di Arjava Petter; quest’ultima potrebbe contenere parti di verità, ma non quella assoluta. Quale sia il Reiki Giapponese originale ritengo che nessuno lo sappia e che sia impossibile saperlo.

c)Ora che importanza ha il sapere della vita di USUI, se era o no un monaco e se dottore di cosa di cosa lo era, quando tutti sappiamo che il metodo diffuso in occidente funziona e da tante soddisfazioni.

d)Spesso si dice che il Reiki sia una via spirituale adducendo presunte origini Buddiste; personalmente ritengo il Reiki un meraviglioso strumento di armonizzazione energetica.

e)Ho notato che solo poche persone comprendono l’essenza del Reiki, questa ritengo sia la causa del fatto che dopo avere appreso il metodo solo pochi continuano a praticare nel tempo.
Potrei continuare con altre considerazioni, mi riservo di farlo in modo più completo in un’altra occasione, ma mi preme principalmente affermare, dopo 18 anni di esperienza, che il Reiki è un metodo meraviglioso, completo, facile da apprendere e che si amplifica nel tempo.

Tutte le teorie contano poco quello che nel Reiki è vero è che:
1.Induce sensazioni soggettive di calore, formicolio, frescura; questo in funzione dello stato energetico di chi lo riceve.
2.Ha effetti soggettivi ed oggettivi di distensione, sensazioni di pace, benessere psicofisico, chiarezza mentale.
3.Talvolta, in casi di resistenza emotiva al cambiamento, si manifestano temporaneamente disagi, dolore fisico e tensioni. Questi disturbi spesso scompaiono in breve tempo lasciando la persona in stato di totale benessere.
4.Il Reiki è di aiuto in ogni situazione e momento della vita.
Concludo allegando le considerazioni sul Reiki che tre allievi mi hanno fatto pervenire e che considero interessanti.

Carissimo Luciano,

è un periodo in cui sto ricevendo tanti segnali dall’energia e questo mi rende più sicura e serena, ti racconto:mi giungono sovente dei pensieri, che in qualche modo si concretizzano. Al lavoro era tempo che c’era tensione con il capo, ho scritto un biglietto e gli ho fatto Reiki per un giorno e … la situazione è
migliorata. Mi viene in mente una persona e … ricevo una mail da questa persona che si offre per un trattamento a distanza.
Seduta sull’uscio di casa sentendomi un po’ sola … arriva un soffio di vento e nella mente affiora un pensiero di unità con gli altri che mi rasserena. Incontro un vecchio compagno di scuola che dopo tanti anni mi fa i complimenti per il modo di essere (che tra l’altro mi ha sempre un po’ distaccato dagli altri perché un po’lontano dal loro modo di essere) e mi dice che con gli anni ha capito che i miei principi erano speciali.
E tutto questo arriva nel momento in cui ne ho bisogno.
E’ semplice e fantastico, basta essere aperti ed attenti alle cose più semplici.
Il Reiki poi è un grande amico, sempre disponibile e sempre di grande aiuto! Dico sempre perché c’è … sia quando stai bene che quando stai male. Basta centrarsi ed ecco che tutto funziona in un modo diverso. Grazie, ho anche capito cosa significa: sii pieno di gratitudine. Tutto questo è fantastico ed è quella cosa che fa la differenza.
Un abbraccio Fiorenza

Carissimo Luciano,

Pensare a Reiki mi costringe a fare una pausa. Scoprire Reiki, sentire nelle mani il passaggio dell’energia è stato veramente sconvolgente. Constatare che non era un’ illusione ma un fatto vero è stato come se davanti a me si spalancasse un portone su un mondo(il termine non rende abbastanza…) nei confronti del quale, prima di esprimersi, ci vuole un po’ di tempo per “guardarsi intorno” e pensare. Forse perché sono un “tecnico” poco incline a ciò che è istintivo ma comunque con una certa sensibilità verso una dimensione soprannaturale dell’uomo, nata nella cultura cattolica, ho sempre diffidato di tutto ciò che è esoterico. A questo si aggiunge che l’approccio che si ha è spesso negativo, legato a profittatori che si arricchiscono alle spalle di persone deboli che esprimono semplicemente un bisogno, o una solitudine.
E’ difficile parlare di reiki a chi non lo ha sperimentato, si finisce per essere riduttivi:
- “Tecnica di armonizzazione dell’energia”
- “Tecnica di rilassamento energetico”
- “Antico metodo giapponese per riequilibrare le tensioni psicofisiche”
potrebbero essere alcune delle frasi ricorrenti che, comunque arricchite da spiegazioni varie sulla natura del’energia Reiki e sulla dimensione universale di Reiki, spesso lasciano l’interlocutore con un’espressione fra l’interrogativo e il disinteressato, quando non addirittura con una faccia della serie “Ma questo è fuori di testa!”
La mia modesta esperienza di trattamenti al di fuori della cerchia degli amici “Reikisti” si svolge in ambito famigliare. Un po’ per le ragioni già esposte che sono di ostacolo alla “distribuzione” di trattamenti a destra e a manca, un po’ perché quando si trova la persona disponibile bisogna comunque andarci con i piedi di piombo, per evitare di creare delle aspettative esagerate che non trovano poi un adeguato riscontro.
Credo che l’approccio giusto a Reiki sia fondamentale. Il mio è stato proprio “senza aspettative”, e ho sperimentato che i trattamenti migliori sono avvenuti quando non c’erano aspettative preventive, né da parte mia né da parte del mio interlocutore.
Io penso che chi riceve debba “semplicemente” aver voglia di sperimentare che esiste una dimensione energetica della persona, dimensione energetica che subisce degli squilibri che possono influire sullo stato fisico e psichico della persona stessa. Chi invece fa il trattamento dovrebbe fare il vuoto dentro di se e lasciare tutto lo spazio per l’azione dell’energia e per percepire le sensazioni che essa ci da. Tutto il resto, benessere, guarigione, vantaggi fisici o mentali, avviene da sé e non dipendono da noi ma dall’energia. L’importante è che comunque ci si renda conto che in noi esiste una dimensione di noi stessi (scusa il bisticcio di parole) che forse non sappiamo bene com’è ma che sicuramente esiste. Una dimensione molto importante.
Se l’approccio con Reiki è stato autentico, non si può rimanere come prima, qualcosa nella vita della persona deve cambiare!
Sarei felice di poter dare un raggio di luce a tutti coloro che ne hanno bisogno.
Un abbraccio. Giorgio

 

A.R.T. terzo livello Reiki

Mercoledì, 4 Maggio 2011

 

Programma:

A.R.T.

Advanced Reiki Training

Date degli incontri:

sabato 4 domenica 5 giugno 11

Master A.R.T.

sabato 4 domenica 5 giugno 11

dalle 10.00 alle 18.00

A.R.T.

Sabato 3 domenica 4 dicembre 11

dalle 10.00 alle 18.00

 

Le tematiche affrontate sono:

- Il simbolo Master di Usui, per aumentare la tua energia Reiki

- Il simbolo Master per incre-mentare l’efficacia dei simboli di 2° livello Reiki e per esegui-re trattamenti.

- Meditazione Reiki per raffor-zare la mente ed espandere la coscienza.

- Tecniche avanzate di utilizzo Reiki per risolvere problemi e raggiungere obiettivi

- Utilizzo Reiki per proteggere se stessi e gli altri

- Utilizzo di cristalli e pietre con Reiki.

- Come realizzare una griglia

Reiki per continuare a dare ener-gia Reiki a tutti.

- Pulizia dell’aura con Reiki per rimuovere l’energia psichica negativa da se stessi e da altri.

- Meditazione in movimento con il simbolo Master per radicarsi e focalizzarsi

Meditazione guidata per incon-trare le proprie guide Reiki.

 

 
A.R.T

Advanced Reiki Training

Terzo livello Reiki

Ci sono periodi della nostra vita in cui tutto trascorre serenamente, tutto procede per il meglio, le ore e i giorni filano veloci e con meraviglia scopriamo che è già trascorsa una settimana, un mese, un anno…

In altri periodi invece le ore non passano mai, i giorni sono lunghi, le settimane sembrano un’eternità!

Quando ce ne rendiamo conto, ci stupiamo noi stessi di questo fatto e ce ne domandiamo il perché. Senza grandi sforzi comprendiamo allora che nel primo caso eravamo in un periodo di influenze positive, mentre nel secondo in uno di influenze negative.

Nessuno, proprio nessuno, desidera che la propria vita sia turbata. Nessuno vorrebbe mai che il proprio cielo venisse offuscato dalle nuvole. Chi mai non vorrebbe una vita quotidiana tranquilla, serena? E tuttavia non sempre è possibile, e lo sappiamo bene.

Però dobbiamo reagire, non possiamo rimanere inattivi. Anche perché essere positivi o negativi nei confronti della nostra esistenza dipende proprio da noi stessi. Anche se non tutti ne sono a conoscenza, noi abbiamo una possibilità di scelta e di influenza, e non solo attraverso il nostro atteggiamento mentale.

Non tutti sanno che abbiamo in nostro potere un mezzo per proteggerci praticamente dalle influenze negative, per crearci attorno uno scudo di protezione, una specie di barriera che non lasci penetrare nella nostra vita, nella nostra sfera di azione ciò che può turbare psichicamente o danneggiare fisicamente. Questo mezzo esiste da sempre, dimenticato o forse non usato per periodi di tempo più o meno lunghi, ma sempre valido.

Vi sto parlando della tecnica di protezione imparata nel seminario di A.R.T., questa tecnica è differente dalla gabbia che conosciamo e impariamo nel seminario di 2° livello Reiki, è più particolare e diversa, poiché è stata creata per attirare un particolare influsso energetico che va a proteggere il nostro campo di energia ed attivare il potere di protezione attraverso i Chakra, questa tecnica ci può servire per uno scopo specifico ma anche per impedire che influenze negative esterne ci raggiungano.

In pratica essa serve per creare intorno a noi una sorta di campana impenetrabile, che mantiene all’interno un’atmosfera positiva.

Vi ricordo le modalità:

· isolatevi in un luogo tranquillo ( badando bene di essere soli)

· iniziate a disegnare i simboli partendo dal 1° Chakra

· dopo aver fatto questo, prendete il simbolo Anthakarana e ponetelo sul vostro plesso solare

· pensate intensamente a ciò che volete ottenere, da chi o da che cosa vi volete proteggere,concentrandovi fino a dimenticare tutto intorno a voi.

Badate bene a non far cadere a terra il simbolo dell’Anthakarana, perderebbe la sua efficacia. Nel caso che ciò accadesse, dovete ripetere nuovamente il procedimento.

A.R.T. è stato creato per tutti coloro che hanno l’esigenza, dopo aver frequentato il secondo livello di Reiki, di qualcosa in più, una tecnica per rafforzare la mente ed espandere la coscienza, che possa proteggere se stessi e gli altri, meditazioni guidate per incontrare le nostre guide, ed infine un utile strumento di guarigione fisica.

Questo ulteriore “livello” di Reiki, da la possibilità di fare trattamenti “autorizzati” su persone che hanno dei problemi sia fisici che energetici. E per accedere al seminario di Karuna ReikiTM.