Archivio di Aprile, 2011

Messaggio del nostro Maestro di luce aprile 2010

Lunedì, 11 Aprile 2011

Saluto la mia assemblea. Saluto voi, figli della luce. Sono qui giunto, in mezzo a voi, per portare il messaggio di pace e di fratellanza. La luce sia su ognuno di voi, scenda nei vostri cuori, porti pace e purificazione ai vostri corpi. Invocate voi che siete nella luce, che ricercate la luce, invocate lo Spirito, affinché vi sia data la forza nell’intraprendere il lungo cammino, che vi porterà alla Casa del Padre. Figli miei diletti, grande è il mio amore per voi, che qui, in nome della Fratellanza e dell’Amore Universale, avete unito i vostri cuori, in un’unica preghiera, a voi che alimentate il Fuoco Sacro, il Fuoco dell’Amore, che come un’onda si alimenta e si diffonde, inondando ogni cosa intorno a voi, con la propria luce e vibrazione. Vi esorto a partecipare con costanza e fede alla costruzione del Nuovo Regno, che porterà la luce nel Nuovo Mondo. Vi esorto ad essere testimoni e pionieri, costruttori di questo Nuovo Mondo, partecipando al processo evolutivo di tutto il pianeta Terra e di tutte le creature che abitano questa materia. Questa grande vibrazione che pervade questo Universo e che manda energie elevate, vibra in ogni creatura, in ogni essere, in ogni cosa animata e non animata, entra nel profondo di ogni essere vivente e nella materia stessa della Terra. E’ un lungo processo evolutivo e di trasformazione, che porterà ad una nuova materia, a nuovi uomini, a nuove creature. Voi tutti che qui, amate la luce, credete nella forza dell’amore, siete chiamati ad essere parte vivente di questo processo di evoluzione e di trasformazione. Chiedete aiuto alla Madre Divina, affinché alimenti il vostro Fuoco Sacro, affinché vi aiuti a soccombere nella difficoltà, affinché vi aiuti nella lotta contro le vostre tenebre e le vostre oscurità e chiedete attraverso la vostra preghiera, chiedete allo Spirito Infinito, di mandare la sua luce nel vostro cuore. Ognuno di voi, sia fedele compagno  dell’altro, in questo lungo cammino verso la luce. Il processo dell’evoluzione, è un processo lento e difficile, e lungo questo sentiero, le molte difficoltà, possono a volte allontanare il pellegrino dal suo cammino. Il Buon Creatore manda i suoi Angeli, attraverso vesti umane, affinché il cammino dell’uomo, sia corretto, affinché esso sia ripieno di consiglio e di fortezza, affinché esso ritrovi la sua strada. L’uomo, non è mai abbandonato a se stesso, perché colui che chiede la luce, colui che invoca la luce, avrà ciò che chiede. Quindi, sia in voi questa fede e questa speranza nel risveglio continuo della vostra coscienza, nella consapevolezza di essere in un momento particolare e di transizione, sul vostro pianeta. In questo tempo di grande tribolazione per la Terra e per gli uomini, e’ dato ancora ad ogni uomo vivente, la possibilità di cogliere questo lungo momento, per risvegliare entro di sé il Fuoco Sacro. E’ un dono che viene fatto agli uomini su questa terra, affinché possano avvicinarsi alla luce. Vi è molto dolore in questa umanità, nel cuore di ogni uomo vi è un grande dolore. Manca la consapevolezza di questa sofferenza, una grande insoddisfazione alberga nel cuore dell’uomo, e’ la lontananza dal Divino, dallo sguardo del Dio Creatore, la nostalgia del suo amore. Ma Dio è nell’uomo, è molto più vicino di quanto l’uomo possa credere, ciò che cerca è nel suo cuore e quel seme divino, aspetta solo di poter manifestare la sua capacità di amare e di comprendere. Ma l’uomo cerca altrove, cerca al di fuori di se stesso, persiste nella sua lunga ricerca, ricerca della felicità effimera, nel benessere, nella ricchezza, tralasciando i valori più importanti. Egli guarda al di fuori di sé costantemente. Ciò porterà l’uomo, sempre in una continua ricerca. La mancanza di felicità e di serenità, porta l’uomo ad alimentare entro di sé, l’egoismo e l’indifferenza, in questo tempo di crudeltà e di malvagità. Gli uomini della luce, sono tutti chiamati a partecipare a questo processo di evoluzione, affinché essi stessi,  divenendo consapevoli della loro missione, siano essi stessi, aiuto per i propri fratelli. Questa buona azione, li porterà ad avanzare nel cammino verso la luce e come un pellegrino lungo il suo sentiero, guarda avanti a sé la meta. Così l’uomo della luce, guarda avanti a sé, cercando il Divino e in questo lungo sentiero, l’uomo della luce, aiuterà i suoi fratelli e insieme cammineranno, affrontando i molti ostacoli e ognuno si appoggerà all’altro, durante il tempo del digiuno, dell’astinenza, durante il tempo della sofferenza e ognuno sarà il guaritore dell’altro, perché il Buon Creatore, ha dato ad ogni uomo, il suo talento, ed ogni uomo, porta in sé, il segno unico della sua beltà. L’uomo di oggi, alimenta il dolore dentro di sé e intorno a sé, come un bimbo che ricerca costantemente l’amore della madre. L’uomo di oggi, cerca conferma e desiderio di amore. In questa sua fragilità, lo porta ad essere vittima dei suoi stessi desideri e pensieri. Continue elucubrazioni nella sua mente, costruisce schemi, ostacoli e muri, creando una felicità effimera, che lo porterà soltanto alla solitudine e a un grande egoismo. Spesso i vostri figli, portano nel proprio profondo traumi, causati dalla vostra incapacità di amarli. Guardate i vostri figli con amore, guardando ad essi, come esseri unici, con qualità uniche e col diritto di manifestare la loro unicità. I genitori investono i loro figli col loro desiderio di aspettativa, e soffocano la capacità di manifestare dei loro figli. L’amore e la gioia, la serenità, sono doni del Dio che ama l’uomo, e questi doni sono nel cuore di ogni uomo. Il desiderio di amore di un bimbo presso la madre, è un desiderio forte e costante. Spesso l’uomo immaturo è come un piccolo bimbo, che continua a ricercare questo amore. L’uomo maturo, comprende cosa è l’amore, la qualità dell’amore. Spesso, colui che ha subito dei traumi, diventa vittima dell’amore. In questo gioco di atteggiamenti, i genitori sono spesso responsabili di grandi sofferenze. Colui che ama, colui che ha in sé l’equilibrio e la forza, non teme di amare, ma va incontro alla vita, portando nei suoi occhi la gioia e la luce. Colui che detiene il potere, quale dono di Dio, ha in sé l’equilibrio e la misura e sa come esercitare il suo potere, un potere che è dato dalla giustizia e dalla misericordia. Colui che abusa del suo potere, si rende indipendente da ogni uomo, pensando di avere in sé la capacità, di provvedere a se stesso, alimentando il disprezzo e l’arroganza. Costui crea intorno a sé, il vuoto e la solitudine. Portate nel vostro cuore, la serenità e la gioia, alimentando le grandi virtù, che sono il dono del Buon Creatore. Una serenità d’animo vera, che non nasconde l’irrequietezza e l’inquietudine. Spesso, uomini che appaiono ai vostri occhi, sereni, nascondono una grande falsità, essa viene smascherata quando le vicende della vita, li portano alla sofferenza e la loro serenità cade completamente. Essi allora diventano vittime delle situazioni. Voi siete nella luce, aprite i vostri occhi, aprite la porta del vostro cuore e guardate dentro di voi, ricercando queste forze oscure, migliorando voi stessi, cercando nel vostro cuore, il vero desiderio di amore, la vera serenità, il vero potere. Neutralizzando i vostri difetti, inizierete a creare dentro di voi, il corpo di luce e aiuterete i vostri fratelli in questo lungo processo di trasformazione. Non abbiate timore, ad accogliere dentro di voi, la vera luce. Non abbiate timore, a portare nel vostro cuore l’amore, l’amore per ogni cosa, a manifestare questo amore. Siate come fiaccole di luce, nella grande oscurità, dispersi sul pianeta Terra. Anche se la vostra luce è piccola, è visibile, e porta la sua vibrazione, il suo colore ed il suo calore. In questo tempo di rinascita, siate gli uomini nuovi, gli uomini che portano nel loro profondo, il seme dell’uomo vero.

Ora parlo a te. Benedico l’acqua, che tu qui hai portato, benedico il tuo corpo, benedico il tuo seno e benedico le erbe che ti aiuteranno a guarire. Accogli tutto questo come un dono, nelle tue mani. Confida nella tua capacità di guarire e nella fiducia che darai al tuo medico. Sii sempre coerente, nella tua vita di ogni giorno e porta dentro di te, la rettitudine, anche di fronte alle insidie e alle nuove tentazioni. Sii te stessa, così come ti è stato insegnato dai tuoi nonni, sii integra, sii dolce.

Ora parlo a te. Ti benedico e chiedo a te la forza, l’Angelo della Forza, affinché ti sia dato coraggio e forza, perché è giusto che tu prenda il tuo tempo per riposarti, come un vecchio guerriero, dopo una battaglia. Anche tu hai bisogno di avere un po’ di riposo nella tua testa, nella tua mente e nel tuo corpo. E’ giusto riconoscere di avere necessità per riposare, è bene per te prendere un tempo per il riposo, per alimentare di nuovo la tua linfa, per portare anche pace nella tua mente. Prendi questo tempo, lascia le altre cose e pensa a te stesso, quel tempo che ti basta per rigenerarti. Ti benedico e ti aiuto.

Ora parlo a te donna. Comprendo la tua pena, la tua ansia. Benedico la tua testa, il tuo capo, accogli questa luce nelle tue mani. Lascia che gli eventi vengano a te e acuirai l’intuizione. Il medico che ti sarà portato e che ti aiuterà a curare il tuo corpo. Non è bene per te alimentare questa sofferenza e quest’ansia. Lavora a queste emozioni, e queste impressioni, affinché sia in te un pensiero di luce e non un pensiero di morte. Alimenta in te la guarigione.

Ogni uomo ha in sé, la capacità di portare sollievo al suo corpo. Credi in questo. Ogni uomo ha in sé, la capacità di ascoltare la voce, attraverso l’intuizione. E’ la voce della coscienza che parla al tuo cuore, attraverso suggerimenti e consigli. Apri le tue orecchie e ascolta. L’Angelo della Guarigione, sarà al tuo fianco e ti aiuterà.

Ora parlo anche a te, che hai chiesto per la tua compagna, che ha subito questo tempo di sofferenza per il suo corpo fisico. Benedico anche lei, benedico anche te e la vostra casa. Che sia guarigione al suo corpo, affinché possa essere, se stessa nuova nei suoi comportamenti, nei suoi atteggiamenti. Sia la luce su di voi.

Ora parlo a te. Ecco l’abbraccio del tuo Maestro. Accogli questo abbraccio, come un dono. Ciò che colpisce la tua salute, è frutto della tua incapacità di accogliere le cose della vita. Ciò spiega le tue allergie, i tuoi problemi. Lavorare su se stesso per scovare il dolore profondo dentro di te, è un processo doloroso e lungo, perché molte sono le ferite che tu hai raccolto nel tuo cuore, ferite di questa vita e di altre vite, ti hanno lasciato tracce dolorose. Tu hai fatto un lungo cammino e sei consapevole della tua capacità di comprendere. Alimentati della luce e a poco a poco, della gioia di vivere. Hai scelto questa via più difficile.

Ora parlo a te donna. Io comprendo la tua pena e la tua sofferenza in questo cammino che ti vede di nuovo sola, all’inizio di un percorso. Non temere. La mancanza di amore intorno a te, rende il tuo corpo più debole e il tuo cuore più triste, ma il guerriero di luce, in questo tempo, viene attaccato dall’oscurità e dalle tenebre e viene messa a dura prova la tua forza e la tua pazienza. E come il guerriero, si alza nuovamente per combattere, e tu sarai di nuovo capace per affrontare questo cammino, nuova nel tuo cuore, anche con la tua esperienza e il tuo fardello sulle spalle, sarai in grado di iniziare questo cammino. Che ti sia data la forza e quindi l’Angelo della Forza, per continuare la tua strada. Non temere, non sei sola. Chiedi luce e protezione. Sappi che vicino a te, ci sono coloro che sono stati, nella tua vita, vicini e ti aiuteranno in questa parte, ad affrontare queste tue paure. Sono solo paure. Guarda con occhi nuovi, il tuo cammino.

A te donna dico. Benedico il tuo grembo, IO benedico il tuo seno. Apriti all’Energia, chiedi con fede e se ciò è, ti sarà dato in accordo alla Legge Divina. Continua nella tua preghiera

A te donna. A te donna dico. Colui che guarda verso il cielo pensando a Dio, prega. Colui che offre il suo lavoro con amore, prega. Colui che ama ogni giorno, prega incessantemente. Ogni cosa fatta con amore, è un atto di amore, è una preghiera. Molti sono i modi di pregare. Dunque, non è vero che non sai pregare. Puoi cambiare il tuo modo di pregare, anche questo è un cambiamento. Pensando allo Spirito Infinito, amandolo attraverso gli occhi di un bambino, attraverso l’aiuto di un anziano, tu preghi incessantemente. Ritrova in te, questa gioia, in ogni forma di preghiera e loda il Creatore, loda la Madre che ti è vicino.

Prendo nel mio abbraccio, anche tuo padre, alimenta in lui la forza, nella preghiera per la guarigione e affida a questa comunità, la preghiera. Le preghiere di coloro che credono nella luce e nell’aiuto divino, aiutano a guarire, se questo è sempre in accordo alla Legge Divina. Ecco perché vi invito a pregare per i vostri malati. Alimentate dunque, la speranza in questo.

Benedico anche a te, che hai in te coltivato la pazienza della madre, che ha accolto nella sua famiglia un  piccolo Angelo. La sofferenza di tutti questi anni, nel curare questo piccolo Angelo, ha forgiato il tuo cuore, il tuo carattere. Tutto è stato fatto per amore e tutto l’amore che tu hai donato, ha creato un legame profondo, con questa anima. Vi benedico entrambi e vi aiuto in questa parte della tua vita. Sia luce alla tua piccola.

A te, che non sei qui, in questo luogo, ma che hai chiesto. Ti sarà data la forza di affrontare queste situazioni. Le catene che sono state create fra te e queste persone, da legami di sangue, sono catene che dovrai sciogliere con amore, con la pazienza. In tempi antecedenti, hai vissuto la tua vita lasciando la tua famiglia, mancando di responsabilità. Ed ora in questa vita, hai assunto l’impegno di sciogliere i nodi. Ciò che ti si presenta, accoglilo come possibilità di riscatto, con amore. Sciogliendo questi nodi, con amore e con gratitudine, perché l’Universo ti dà di nuovo la possibilità. Andrai avanti nel tuo cammino. Guarda a questo con l’occhio dello Spirito di Luce, come a un uomo maturo. Ti benedico e ti aiuterò.

 Anche a te donna dico. Non temere per la tua situazione. Ciò che tu hai fatto nel tempo, è stato valutato e sei una donna che ha dato dei frutti. E’ giusto che tu guardi al tuo corpo e alla tua salute. E’ bene che tu guardi al tuo corpo. Accetta questo momento. Hai accanto a te un buon compagno. Ti sarà fatto dono di un Angelo che ti aiuterà in questo momento della tua vita.

Ora, figli miei diletti. Guardo a voi con rinnovato amore e con gratitudine, ed è grazie a voi, e i Maestri tutti, possono manifestare in questo tempo, la loro forza e la capacità di amare. Siete strumenti di luce, siete operatori di pace, in questo tempo di guerra e di lotta. Non abbiate paura di affrontare l’oscurità, ma proteggetevi invocando la luce. Per rafforzare dentro di voi la fede e la speranza, affinché voi siate veramente testimoni della luce e dell’amore, e opererò sulle tue mani, affinché tu possa essere artefice di questa benedizione, per tutti coloro che vorranno accettare questo dono. Quindi, quando tu sarai dinnanzi ad ognuno di loro, traccerai sulla loro fronte, il segno che ti è stato insegnato, affinché il segno si sia di nuovo impresso, il segno della luce. Questo è il dono che vi viene fatto in questo tempo della rinascita. Portate il messaggio nelle vostre case e in tutto il mondo. Questa è la mia Parola.