Digiunare con la Luna fa bene se…

“Ritengo che una riduzione della normale alimentazione per un giorno alla settimana, anche indipendentemente dai cicli lunari, possa essere senz’altro utile. Infatti, la riduzione della normale alimentazione con l’assunzione soltanto di una certa quantità di sostanze zuccherine, per un giorno alla settimana mette a riposo le funzioni digestive dello stomaco e del fegato. Inoltre, è noto a tutti che gli eccessi nell’alimentazione e nel bere comportano sonnolenza, seppure transitoria, con riduzione delle facoltà psico intellettive. Mangiando poco, non bevendo alcolici, certamente si è più svegli e più prestanti mentalmente.

“Sul piano scientifico, però, una dieta che consenta una libera scelta degli alimenti sia per quantità sia per qualità negli altri giorni della settimana difficilmente è utile per ottenere un calo del peso corporeo: per lo meno è azzardato affermarlo.

“Non ci sono controindicazioni di massima al digiuno totale di ventiquattr’ore; tuttavia chi svolge un lavoro impegnativo dal punto di vista del fabbisogno calorico, potrebbe avere qualche problema astenendosi per un giorno intero. A queste persone consiglierei di osservare una dieta molto leggera nella giornata di riposo dal lavoro, eliminando carne, i grassi, riducendo gli amidi e preferendo la frutta, ricca di zuccheri e le verdure, ricche di vitamine.

“Gli influssi e le tisane consigliati nella dieta della Luna, non sono strettamente necessari, ma non si può certo negare loro un effetto benefico, se scelti opportunamente. È noto infatti che buona parte della terapia farmacologica si basa sull’uso di sostanze di estrazione vegetale. Non mi sento però di esprimermi al riguardo e penso che sia più utile, in proposito, il parere di un esperto di erboristeria.

Ah dimenticavo, la dieta della luna si consiglia di fare al primo giorno di luna calante, il giorno dopo la luna piena.

Vuole lasciare un Commento?

You must be logged in to post a comment.