Accentazione. di Sé

Non puoi essere altro che ciò che sei. Quindi rilassati!

L’esistenza ha bisogno di te cosi come sei.

Mi hanno raccontato.

Un re andò net suo giardino c trovò alcuni alberi, e dette pianticelle morenti, mentre alcuni erano appassiti.

La quercia disse che stava morendo perché non poteva essere alta come il pino.

Osservando il pino, il re lo trovò sofferente perché non poteva portare grappoli come la vite.

E, la vite stava morendo perché non poteva fiorire come la rosa.

Infine, trovò una pianta, la viola, fresca e fiorente come sempre, atta domanda del re, la pianta rispose: “Mi è sembrato scontato che quando tu mi hai piantata, volevi una viola, se desideravi una quercia, un pino, una vite o una rosa avresti piantato quelle. Allora ho pensato: visto che non posso essere altro che ciò che sono, cercherò di manifestarmi al meglio di me stessa”.

Tu esisti perché questa esistenza ha bisogno di te cosi come sei! Altrimenti esisterebbe qualcun altro. Tu stai adempiendo qualcosa di essenziale, qualcosa di fondamentale, cosi come sei!

Perché dovresti diventare un Buddha? Se Dio avesse voluto un altro Buddha, ne avrebbe potuti creare quanti ne voleva. Dio ha creato un solo Buddha, ed e stato più che sufficiente.

Da allora non ha più creato altri Buddha, né altri Cristo.

Invece ha creato te.

Pensa quanto rispetto ti ha dimostrato l’universo!

Sei stato scelto tu; non Buddha, non Cristo, non Krishna.

Il loro lavoro è compiuto, essi hanno contribuito con la loro fragranza.

Guarda semplicemente te stesso.

Puoi solo essere te stesso… non è possibile che tu sia qualcun altro.

Puoi goderti il tuo essere e fiorire; oppure puoi appassire, se lo condanni.

Puntoluce n:43

Vuole lasciare un Commento?

You must be logged in to post a comment.